I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Saviano/Veronesi, quanti corpi umiliati in Italia da immigrazione clandestina

Lo scrittore Sandro Veronesi sul Corriere della Sera invita l’omologo Roberto Saviano a salire sulle navi dei migranti. "Mettiamo il nostro corpo – scrive Veronesi - su quelle imbarcazioni. (…) Ciò che sta accadendo nel Mediterraneo è inaccettabile: andiamo là dove si lascia morire la gente per opportunismo". Saviano risponde di essere d’accordo in una lunga lettera su Repubblica, in cui entra nella fattispecie e cerca di capire perché si è arrivati al clima attuale di scontro con l’attuale maggioranza di governo e in particolare col vicepremier nonché ministro dell’Interno Matteo Salvini, fautore del giro di vite sulla politica dell’immigrazione.

“Il corpo – sostiene Saviano - è al centro di tutto. Corpi lasciano la loro terra, corpi percorrono il deserto, corpi soffrono per mancanza di acqua e di cibo, corpi incassano colpi inferti nei lager libici, corpi vengono seppelliti durante il viaggio, corpi vengono violati, corpi vengono pianti, corpi affondano nel Mediterraneo”. Nasce spontanea la seguente replica: il corpo è anche quello dei migranti che, poiché arrivano illegalmente in Italia senza casa e senza soldi, sono condannati a vivere in baracche e a raccogliere frutta e verdura guadagnando un euro a cassetta nelle campagne del Sud. Sono i corpi dei migranti illegali che bivaccano nei giardini di Porta Venezia o sotto i portici in via Vittor Pisani di fronte alla Stazione Centrale di Milano. Ma anche quelli degli addetti della nettezza urbana che alle 8 del mattino puliscono coi getti d’acqua i marciapiedi. Come quelli delle forze dell’ordine che invitano i clandestini a spostarsi o a bloccarli quando hanno reazioni da animali affamati. Sono i corpi di chi si reca al lavoro e assiste incredulo a tutto questo e quelli delle donne che, dopo una giornata di lavoro, la sera arrivano col treno alla Stazione Centrale e temono di fare 200 metri per raggiungere il parcheggio dell’auto.

Più che inaccettabile (aggettivo che usa Veronesi, ma ormai diffusamente sulla bocca di tutti in più ambiti, dal giornalismo alla politica) tutto ciò è “imprevisto”: in democrazia possono vivere liberamente solo coloro che hanno un’identità, dei diritti e dei doveri. E l’Italia è stata lasciata sola ad accogliere centinaia di migliaia di clandestini fino quasi a mettere a repentaglio la propria democrazia.

C’è poi l’aspetto proporzionale/temporale: una cosa è il gesto simbolico (e non si mette in discussione l’utilità di tali azioni) del corpo (la persona) che sale con la maglietta rossa per qualche ora sul barcone dei migranti, altra sono i corpi che bivaccano sotto i portici o vivono nelle baracche per mesi e mesi, se non per anni, e coloro che devono convivere con tutto questo per altrettanto tempo:  migranti stessi, cittadini, forze dell’ordine, addetti alla pulizia delle strade e via dicendo.

Commenti
    Tags:
    savianosalviniimmigrazione
    in evidenza
    House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    Lady Gaga guida un cast stellare

    House of Gucci, guarda il trailer
    Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.