I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Xi Jinping punta (sbagliando) sul vassallaggio di Putin
Vladimir Putin, presidente della Federazione russa, e Xi Jinping, segretario del Partito comunista cinese e presidente della Commissione militare centrale e della Repubblica popolare cinese
 

Mosca porterà a Pechino più costi che benefici 

La guerra in Ucraina – che ha rivelato tante situazioni: dalla follia di Vladimir Putin al coraggio e all’eroismo degli ucraini alla riscoperta e al ricompattamento delle democrazie occidentali – sta cambiando la geopolitica. Ha spinto gli Usa ha riavvicinarsi all’Europa, rischiando di lasciare spazio alla Cina nell’area del Pacifico. Joe Biden è il primo inquilino della Casa Bianca a partecipare a un Consiglio europeo, a fianco dei capi di Stato e di governo dei Paesi membri dell’Ue. 

Pechino, che già prima della guerra era riuscita a peggiorare le relazioni con Giappone e Australia – oltre che con l’India – con l’appoggio di ieri alle Nazioni Unite alla risoluzione russa sugli aiuti umanitari in Ucraina - bocciata dal Consiglio di Sicurezza: hanno votato a favore solo Russia e Cina - entra in un vicolo cieco e si schiera ufficialmente col Cremlino.

Che cosa guadagna il grande Stato comunista del lontano oriente a stare dalla parte della Russia, la cui economia è un decimo della sua, il cui debito è stato ridotto a spazzatura da Standard & Poor’s e Moody’s, il cui Pil crollerà nel 2022, fino al 30% per alcuni istituzioni, spingendo il Paese verso un default quasi certo e con la prospettiva di non poter adire ai piani di salvataggio dell’FMI. Che vantaggio ha la Cina a rinunciare a relazioni positive con la ricca Unione europea e preferire come partner Mosca, che porta più costi che benefici?

Perché Xi Jinping vuole fare di Putin il proprio vassallo? Pechino – oltre probabilmente al fatto che sta banalmente facendo errori in politica estera - sembra essersi dimenticata dell’insegnamento di Deng Xiaoping, il leader che negli anni 80 teorizzò il socialismo con caratteristiche cinesi e introdusse l’economia di mercato di là della grande muraglia: “Non importa che il gatto sia bianco o nero, l'importante è che prenda il topo."

 

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"

Culture

Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
La Formula 1 conferma due appuntamenti cruciali nel calendario 2025 con i Gran Premi di Imola e Monza

La Formula 1 conferma due appuntamenti cruciali nel calendario 2025 con i Gran Premi di Imola e Monza

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.