A- A+
Coronavirus
Covid: l'Italia investe 81 milioni nel vaccino di Reithera, prodotto a Roma
credit nick zonna

Il CdA di Invitalia ha approvato il contratto di Sviluppo presentato da Reithera che finanzia un investimento industriale e di ricerca da 81 milioni di euro. Gran parte dell'investimento, 69,3 milioni, sarà destinato alle attività di ricerca e sviluppo per la validazione e produzione del vaccino anti-covid. La restante quota (11,7 milioni) sarà utilizzata per ampliare lo stabilimento di Castel Romano, alle porte di Roma, dove sarà prodotto l'antidoto.

Le agevolazioni concesse, in conformità alle norme sugli aiuti di Stato, ammontano a circa 49 milioni di euro: 41,2 milioni a fondo perduto e 7,8 milioni di finanziamento agevolato. Inoltre, in attuazione delle previsioni dell'articolo 34 del decreto-legge 14 agosto 2020, Invitalia acquisirà una partecipazione del 30% del capitale della società, a seguito di un aumento del capitale di Reithera.

Reithera ha già concluso, anche grazie ad un finanziamento della Regione Lazio ed in collaborazione con l'Istituto Spallanzani, la Fase I della sperimentazione, che ha dimostrato la sicurezza e l'"immunogenicità" del vaccino. Ora, anche grazie a questo ulteriore investimento, si passa allo stadio successivo, relativo ai test di sicurezza ed efficacia.

L'obiettivo è arrivare in tempi rapidi ad ottenere le necessarie autorizzazioni da parte delle Autorità di vigilanza sia europee che italiane per poter somministrare il vaccino. La capacità produttiva prevista a regime è pari a 100 milioni di dosi all'anno. Si prevedono, inoltre, 40 nuove assunzioni. "È un accordo importante per ridurre la dipendenza del nostro Paese in un settore delicatissimo per la tutela della salute dei nostri cittadini" - spiega Domenico Arcuri, Commissario straordinario per l'emergenza Covid e Amministratore delegato di Invitalia.

"La produzione italiana di vaccini andrà ad aggiungersi a quelle realizzate all'estero - aggiunge Arcuri - rafforzando la capacitaàdi risposta nazionale alla pandemia e accelerando cosi' l'uscita dalla crisi". "Siamo orgogliosi di aver concluso l'accordo con Invitalia - dichiarano Antonella Folgori e Stefano Colloca, Soci di Reithera - il cui intervento potrà accelerare lo sviluppo del vaccino italiano, a cui ReiThera sta lavorando con professionalità e dedizione fin dall'inizio della pandemia".

Quando sarà approvato il vaccino di ReiThera

Se non ci saranno incidenti di percorso gli studi clinici di fase II e III sul vaccino Reithera, per valutarne sicurezza e soprattutto efficacia, saranno conclusi tra maggio e giugno. C'è ottimismo, a quanto apprende l'AGI, su un iter rapido. I risultati della sperimentazione saranno poi sottoposti all'Ema, con la speranza di avere il via libera definitivo al vaccino italiano all'inizio dell'estate.

Commenti
    Tags:
    vaccinovaccino italianoinvitaliareitheracovidcovid vaccinocovid italia
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Zinga e "Che GueBarbara" La sinistra riparte da qui?

    Pd, la crisi vissuta con ironia...

    Zinga e "Che GueBarbara"
    La sinistra riparte da qui?

    i più visti
    in vetrina
    Taylor Mega: "Parlami alle spalle se ci riesci". Le foto da sogno

    Taylor Mega: "Parlami alle spalle se ci riesci". Le foto da sogno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes lancia EQV, monovolume a trazione elettrica

    Mercedes lancia EQV, monovolume a trazione elettrica


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.