A- A+
Coronavirus
Green Pass al datore di lavoro con 48 ore d'anticipo. Si saprà chi è no-vax

Green Pass al datore di lavoro con 48 h d'anticipo. Si saprà chi è no-vax

Il Coronavirus in Italia continua a far paura. La variante delta, considerata sette volte più contagiosa del virus tradizionale, ha indotto il governo a estendere l'obbligo del Green Pass a tutti i lavoratori, del pubblico e del privato. La misura scatterà da venerdì 15 ottobre, ma è già caos sulle regole per l'entrata in azienda. Massimo 48 ore e non oltre. Tanto l’anticipo di tempo in cui - si legge sul Corriere della Sera - il datore può richiedere ai lavoratori il Green pass per svolgere l’attività lavorativa. Lo prevede il dpcm sulla privacy e sui controlli che ieri ha ottenuto il via dal Garante. La richiesta è possibile «per far fronte a specifiche esigenze di natura organizzativa, come ad esempio quelle derivanti da attività lavorative svolte in base a turnazioni, o connesse all’erogazione di servizi essenziali».

Un conto - prosegue il Corriere - è dichiararsi senza green pass, un altro è «barare» e entrare in azienda o nell’amministrazione pubblica senza il certificato aggirando i controlli. In questo secondo caso, oltre a rimanere a casa in assenza ingiustificata senza stipendio, si deve pagare una sanzione amministrativa che va dal 600 ai 1.500 euro. Oltre a questo vanno messe in conto sanzioni disciplinari. Tra gli esperti di diritto del lavoro non si esclude che nei casi più gravi si possa arrivare anche al licenziamento.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus italiacoronavirus newsemergenza coronavirusgreen passgreen pass lavorolavoroobbligo green passregole obbligo green pass
    i più visti

    casa, immobiliare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.