A- A+
Costume
Blue Whale: sventato suicidio, denunciato 16enne. Bufera social e smartphone

Blue Whale: 16enne istiga una coetanea al suicidio



Incubo Blue Whale. La trappola del "Blue Whale" anche a Catania: avrebbe potuto essere l'inizio di una "prova" che, con ogni probabilita', avrebbe avuto come epilogo il suicidio di un'adolescente tramite il lancio nel vuoto da un edificio, ma la Polizia Postale di Catania ha interrotto la macabra gara, individuando e denunciando in stato di liberta' alla Procura della Repubblica per i minorenni un ragazzo di 16 anni, residente in provincia di Cosenza, ritenuto responsabile di istigazione al suicidio.



Blue Whale: sventato suicidio, denunciato 16enne cosentino



Ed è scattato subito l'allarme Blue Whale. L'indagine e' partita dalla segnalazione alla Polizia Postale di una ragazza catanese venuta a conoscenza di una sua amica che era caduta nella terribile rete. I poliziotti hanno immediatamente contattato la giovanissima residente in provincia di Catania e suoi i genitori; hanno, poi, proceduto all'analisi del suo smartphone, al cui interno e' stata ritrovata una sessione chat, nella quale un utente dava conferma che la minore era entrata nel Blue Whale, affermando "che non poteva piu' ritirarsi e che l'ultima prova da superare consisteva nel suicidarsi, buttandosi da un edificio alto".

 

Blue Whale, incubo a Catania

 

Le indagini della Polizia hanno consentito di giungere all'identificazione del soggetto "istigatore", un minore di 16 anni della provincia di Cosenza, nei confronti del quale la Procura per i Minorenni di Catania ha emesso un decreto di perquisizione locale e informatica, con relativo sequestro dei dispositivi, eseguito dalla Polizia Postale. Gli agenti stanno provvedendo a eseguire ulteriori e piu' approfonditi accertamenti tecnici sul telefono e sul notebook sequestrati all'indagato, al fine di acquisire ulteriori elementi investigativi e verificare se altri soggetti siano stati adescati. Il ragazzo ha confermato ai poliziotti la partecipazione e i contatti, aggiungendo che lui stesso era stato "avvicinato" alla pratica tramite la piattaforma Instagram. I genitori del giovane sono stati ammoniti a monitorare il comportamento del ragazzo in maniera costante e assidua.

 

Blue Whale: Marziale, genitori vigilino sui figli



"La notizia della denuncia di un sedicenne cosentino, da parte della Polizia postale di Catania, perche' avrebbe istigato una coetanea siciliana a compiere l'estremo atto nel famigerato Blue Whale, ossia buttarsi da un edificio alto, deve indurci ad una seria riflessione, che deve coinvolgere soprattutto i genitori a vigilare sulle attivita' mediali dei propri figli, visto e considerato che niente e nessuno riesce a contenere la pericolosa anarchia delle comunicazioni di massa, applicate alle moderne tecnologie, che da come ci e' dato vedere ormai si sono spinte all'estremo, all'istigazione al suicidio". E' quanto dichiara il sociologo Antonio Marziale, Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Regione Calabria. "I genitori sono tenuti ad entrare con l'autorevolezza propria del ruolo nella vita dei figli - spiega il sociologo - per controllare la loro vita mediale, come si deve fare nella quotidianita', anche perche' ormai il medium tutto e' tranne che virtuale, rifuggendo da quanti invece pensano di non dover invadere la loro privacy, perche' in ballo c'e' l'esistenza, la vita, che non puo' essere lasciata alla merce' di autentici criminali che spingono i ragazzi a gesti estremi, carpendo con facilita' la loro inesperienza ed innocenza".

 

Blue Whale, parla l'esperto: ecco i consigli per il Blue Whale

 

Per Marziale "e' necessario non lasciare i genitori soli. La scuola deve recepire l'educazione ai media come materia fondamentale d'insegnamento, per aiutare i minorenni, sin dalla piu' tenera eta', ad elaborare correttamente i contenuti veicolanti, in attesa che le istituzioni internazionali riescano a superare la fase di stallo ed impotenza che li avviluppa al confronto con i mezzi di comunicazione, sempre piu' ingestibili. I ragazzi, dal canto loro sappiano - conclude il Garante - che la Polizia sorveglia e basta davvero poco per finire indagati e condannati. Quando si e' davanti al computer o al telefonino nessuno si illuda di essere da solo, perche' e' facile per gli inquirenti entrare nelle maglie delle loro attivita' e scoprire tutto di tutti".

 

Blue Whale e non solo. Disagio adolescenti passa dagli smartphone

 

Smartphone sempre in mano, vamping, blue whale e autolesionisimo. "I ragazzi ci stanno raccontando del loro disagio. Parliamone!" Ne e' convinto Giuseppe Lavenia, presidente dell'Associazione nazionale dipendenze tecnologiche e cyberbullismo, docente di Psicologia dell'eta' evolutiva all'Universita' di Chieti, psicologo e psicoterapeuta. Stando ai dati dell'Osservatorio nazionale adolescenza, 6 adolescenti e 4 preadolescenti su 10 passano la maggior parte delle loro notti svegli fino all'alba a chattare su uno strumento di messanging. Questa mania di non abbandonare mai il proprio smartphone e' patologica. "Si tratta di una sindrome complessa", ha spiegato Lavenia. "Il 15 per cento di loro lo fa per leggere le notifiche e i messaggi che gli arrivano in tempo reale. Per essere sempre on stage e non sentirsi tagliati fuori se non rispondono con tempestivita'. Si chiama FOMO, Fear of Missing Out". Poi ci sono casi sempre piu' diffusi di autolesionismo. "Gli adolescenti compiono questi gesti perche', paradossalmente, li 'preferiscono' all'angoscia che provano e a cui non riescono ne' a dare un nome ne' a controllare", ha detto Lavenia. Cosa dovrebbero fare, quindi, gli adulti? "Aiutarli a trovare un nome a quell'angoscia, prima di tutto. Assumerci la responsabilita' relazionale oltre che educativa - ha spiegato l'esperto - dei nostri figli parlando con loro, dedicando momenti per raccontarci. Se', raccontare di noi e ascoltare i loro racconti. Anche se all'inizio non hanno voglia di parlare, si puo' stare anche in silenzio purche' vicini. Dobbiamo interessarci a cio' che fanno e non controllarli. La prima azione implica condivisione, mentre la seconda allontanamento".  

Tags:
blue whaleblue whale suicidioblue whale gioco
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Sky Calcio, tagliato il costo dell'abbonamento. E il pacchetto Sky Sport...

Sky Calcio, tagliato il costo dell'abbonamento. E il pacchetto Sky Sport...


casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.