A- A+
Costume
CantonTicino, viaggio tra piaceri e sapori
Bellinzona, castello Sasso Corbaro

Di  Franca D. Scotti

 

Mentre il caldo impazza in città, fuggiamo verso l’aria fresca e le alture della vicina Svizzera.

Il Canton Ticino, il cantone più meridionale,  idealmente connesso all’Italia attraverso la dolcezza del lago Maggiore, offre un clima gradevolissimo,  palme e fiori ovunque.

E, da oggi, un’attrattiva in più: è  il magnifico Fiore di Pietra sul Monte Generoso, progettato dall’archistar svizzero Mario Botta.

Dove sorgeva nell’800  l’Hotel Kulm, si apre questo nuovissimo ristorante panoramico: un edificio a pianta ottagonale con singoli “petali” che racchiudono uno spazio centrale, un’ampia terrazza che segue l’andamento del crinale della montagna,  grandi aperture vetrate che offrono una visuale a 360 gradi, a sud sulla pianura padana e a nord sul Lago di Lugano e sull’arco alpino.

Il Fiore di Pietra dà nuovo slancio al raccordo tra la valle e la cima costituito dalla storica ferrovia del Monte Generoso, inaugurata  nel 1890, una delle prime ferrovie a cremagliera costruita nelle Alpi svizzere e vero pilastro del primo turismo diffuso.

Dopo la visita a questa notevole ultima attrazione, ci attendono le città più famose del Canton Ticino.

Lugano, città dei parchi e dei giardini fioriti, delle ville e dei Musei, circondata dai monti e dal lago, offre tutti i vantaggi di una città cosmopolita, mantenendo però il suo spirito di cittadina a misura d’uomo.

Molto particolare e affascinante è il centro storico: una suggestiva zona pedonale ricca di  edifici storici,  piazze, arcate, pittoresche vie strette, ricche di piccoli negozi.

Senza dimenticare le attrattive  culturali del LAC,  Lugano Arte e Cultura, sede del Museo d’arte della Svizzera italiana (MASI), e del Museo Hermann Hesse di Montagnola, che ha sede nella tenuta dello scrittore.

Luogo  ideale per splendide escursioni. “È un paesaggio meraviglioso. Dalle Alpi fino al sud, è tutto qui, davanti ai nostri occhi”, affermava Hesse con entusiasmo.

 

L’altra città da  non perdere in Canton Ticino è Bellinzona, dal profilo inconfondibile, un susseguirsi  di torri e  merlature.

In posizione invidiabile, cerniera  tra Nord e Sud Europa, dove si incrociano le vie che portano al San Gottardo, al Lucomagno e al San Bernardino, Bellinzona era vista da Sud come la "chiave delle Alpi", da Nord  come la "porta d'Italia".

Appena arrivati, immancabile  una pausa golosa: alla Panetteria-pasticceria Peverelli si possono gustare i dolci tipici di Bellinzona,  chiamati Bissoli, golosi dischetti di cioccolato  con un ripieno di castagne.

 Nella parte superiore della pralina,  è raffigurata una biscia in cioccolato bianco, simbolo della città, che già nel 1503 era impressa sulle monete dell’epoca.

Bellinzona e il suo contado sono cresciuti nei secoli attorno ai castelli: l'architettura medievale del complesso fortificato (entrato nel patrimonio mondiale dell’UNESCO), del borgo, dei fortini e degli antichi monumenti e monasteri, dialoga con opere moderne disegnate da grandi architetti che hanno abbellito il centro storico e la regione.

I castelli dunque, legati alla presenza dei Visconti  e degli Sforza di Milano:  Castelgrande, il Castello di Montebello, il Castello di Sasso Corbaro

Nel 1242 si diceva che il Castelgrande  era difeso dalla natura e dall'uomo a tal punto che nessuno l'avrebbe potuto espugnare.

Per noi che abbiamo modo di osservare quelle mura, quelle torri e quelle feritoie oggi, nel XX secolo, non è difficile immaginare l'effetto che la chiusa di Bellinzona doveva produrre nel Medioevo. Una quantità di singoli elementi si uniscono a formare un'opera che nel suo insieme rispecchia la potenza economica, politica e militare dei duchi di Milano, cui si deve la grandiosa fortificazione di sbarramento nel suo aspetto definitivo.

Soste gustose

La pausa pranzo a Bellinzona, come in tutto il Canton Ticino, sarà perfetta in un grotto tipico: la gastronomia ticinese ha saputo attingere dalle cucine lombarda e piemontese, conservando una personalità tutta sua.

Molte le proposte particolari.

A Lugano, ad esempio, si può partecipare a un divertente e originale  tour Food and Wine.

Accompagnati da una guida specializzata  si scoprono le tappe  fondamentali del centro storico della città, dove si  gustano varie specialità locali: la torta di pane arricchita di uvetta e cioccolato, servita con salsa alla lavanda, il pesce persico, involtini di luganega e polenta, fonduta con  crema di cipolle,  il formaggio Zincarlìn della Valle di Muggio, un formaggio dal gusto intenso che fino al 19° secolo si produceva ancora in ogni casa, o i biscotti di Farina Bóna, la farina che si ottiene dal mais tostato, senza glutine, facilmente digeribile, con cui si fanno anche torte, spätzle, pane, pasta  e zuppe.

Imperdibile una sosta all’elegantissimo Ristorante Gran Café al Porto, una delle 10 Top Location della Svizzera, nato nel 1803 come ritrovo intellettuale e diventato salotto della città, che conserva nelle sale superiori il soffitto a cassettoni originale del  Cinquecento.

Ottimo per viaggiare in Canton Ticino il Ticino  Ticket, che  permette ai turisti che pernottano in un albergo, in un ostello o in un campeggio di muoversi liberamente con i mezzi pubblici per tutta la durata del loro soggiorno, beneficiando al contempo di agevolazioni sugli impianti di risalita, le navigazioni e le principali attrattive turistiche.

Il biglietto è valido da Chiasso fino ad Airolo, in un territorio particolarmente esteso e variegato che spazia da contesti urbani come i centri di Lugano, Locarno e Bellinzona fino alle valli più nascoste.

www.ticket.ticino.ch

www.switzerland.com

www.svizzera.it/

Tags:
cantonticinoviaggio canton ticino
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.