A- A+
Costume
Divorzio, Cassazione: gli sms dell'amante provano il tradimento

Gli sms dell'amante bastano a sostenere la richiesta di separazione con addebito a carico del coniuge che non ha rispettato il dovere di fedeltà. la sentenza della Cassazione conferma così la decisione della Corte d'Appello di Milano che, a proposito della separazione di una coppia 'bene' del capoluogo lombardo, "ha giustificato l'addebito per la violazione dell'obbligo di fedeltà, in ragione della scoperta, nel novembre 2007, di messaggi amorosi pervenuti sul cellulare" del marito e scoperti e letti 'attentamente' dalla moglie.

Il marito ha cercato invano di sostenere che il matrimonio era traballante da anni, come scrive Repubblica, e che la scoperta della sua relazione 'extra' aveva solo "aggravato una crisi coniugale presente da tempo". Ma la Cassazione ha obiettato che nella coppia c'era già stata una "riconciliazione" nel 2002, anno della nascita dell'ultima figlia, e che a rompere la ritrovata 'unità' era stata proprio la "scoperta dell'infedeltà" nel 2007 .

Ora l'ex marito deve versare alla ex moglie duemila euro al mese di mantenimento, e tremila euro al mese per il mantenimento dei tre figli, oltre al pagamento totale delle spese straordinarie concordate tra le parti. Per la conflittualità dei due genitori, i due figli ancora minori sono stati affidati al Comune di Milano con collocamento presso la madre.

Tags:
divorzio cassazione sms amantedivorzio sms amante cassazione
Loading...
in evidenza
Locatelli show: Italia agli ottavi Rimpianto Milan e assalto Juve

Euro2020, Svizzera travolta

Locatelli show: Italia agli ottavi
Rimpianto Milan e assalto Juve

i più visti
in vetrina
Caldo africano e nubifragi: ecco le zone più colpite. Meteo estremo

Caldo africano e nubifragi: ecco le zone più colpite. Meteo estremo


casa, immobiliare
motori
Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’

Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.