A- A+
Costume
Donne, vittime anche nella cabala

Di Giovanna Guzzetti

Oggi, 25 novembre 2016, propongo di giocare questa quaterna secca: 5, 11, 21, 86. Tutta cabala napoletana? Quasi. Numeri quanto mai calzanti nella giornata internazionale contro la violenza femminile.

Non staremo qui a (ri)dire quanto il fenomeno sia diffuso; come la violenza – intensa anche come sopraffazione (solo) psicologica – sia un fenomeno molto diffuso e presente nella stragrande maggioranza delle nostre case.

Torniamo ai numeri. 5 sono i milioni di euro che il Governo ha appena (ri)dato ai centri antiviolenza che sono il primo punto di ascolto e di soccorso per molte donne; 21 è la donna nella cabala napoletana che con l’11 indica invece la donna morta (anche sul piano aritmetico vale meno, mannaggia). Ma 86 è il numero delle vittime di femminicidio fino ad oggi nel 2016 nel nostro Paese. Ogni anno le contiamo queste vittime ed enunciamo una serie di buoni propositi. Per loro, vittime, per le vittime delle vittime – i figli che rimangono soli al mondo perché spesso l’assassino (e se lo chiamassimo boia?) è il loro padre, per le vittime potenziali.

E ogni anno si rifà la conta.

Oggi, però, in contemporanea alla cifra degli stanziamenti, l’Istat ha rivelato che le vittime di stalking (in larghissima misura donne) sono 3,5 milioni. Occhio e croce, neanche un euro a mezzo a vittima… Solo con gli stanziamenti (spesa corrente?) non possiamo oggettivamente andare molto lontano; quelli che servono sono gli investimenti in una rivoluzione culturale che reintroduca il rispetto di genere che l’emancipazione femminile ed una apertura dei costumi sessuali (inutile negarlo) non hanno garantito.  

Senza dimenticare che le donne la libertà di scegliere, dire no e ribellarsi (sì, va fatto!) a violenze, pressioni e pregiudizi la possono trovare soprattutto con l’indipendenza, economica in primis. Per questo le donne devono combattere prima di tutto per il loro lavoro, per trovarlo e conservarlo, anche se tutto ciò costa sacrifici e può avere prezzi personali non trascurabili.

Il soffitto di cristallo non l’avrebbe rotto solo Hillary Clinton se fosse arrivata alla Casa Bianca da Presidente; il nostro lo incriniamo noi ogni giorno con costanza e determinazione, se ci crediamo. E a chi ci dovesse ricordare che è un’opera improba, rispondiamo perentoriamente: “Gutta cavat lapidem”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
donne vittime violenzadonne femminicidio
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici

Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.