A- A+
Costume
I multibrand fanno il 50% dei ricavi online

Il 35% delle vendite dei monomarca nel lusso è strettamente collegato alla contattabilità digitale:

La nuova frontiera è la localizzazione dei contenuti e la personalizzazione della relazione con i clienti anche facendo leva sui sales associate già presenti in tutti i negozi del mondo

I multibrand online rappresentano la metà dei ricavi dell’e-luxury, cresciuti negli ultimi 5 anni del 30% anno su anno

La scommessa per i brand del Fashion è la possibilità di profilare i clienti, poiché coloro che condividono i propri dati e sono disposti a interagire in modo digitale con il brand mostrano anno dopo anno una propensione alla spesa superiore a chi vuole rimanere anonimo o non accetta di essere contattato (Fig. 1). È una delle principali evidenze emerse dal Digital Frontier 2017: Multi-brand vs Mono-brand (https://goo.gl/aVHcnU nota per la stampa: segnalare link nell’articolo), la ricerca realizzata da Contactlab ed Exane BNP Paribas giunta alla 5° edizione.

La ricerca conferma il trend per cui i clienti che accettano di essere contattati dal brand per ricevere consigli, promozioni e informazioni spendono in negozio circa il 20% in più dei clienti registrati che rifiutano ulteriori azioni di customer engagement sul proprio profilo (Fig. 2). Mentre i clienti multicanale continuano a rappresentare il segmento più profittevole per i luxury brand, poiché spendono annualmente circa il 50% in più dei clienti che acquistano esclusivamente in negozio.

Investire nella gestione dei clienti attraverso un CRM (www.contactlab.com/landing/hello-contactone) che ne consenta l’identificazione e la contattabilità digitale, permettendo di conoscere le loro abitudini, i comportamenti e le preferenze di acquisto per relazionarsi al meglio con loro rappresenta la nuova sfida per i brand, che già oggi vedono provenire circa l’85% dei ricavi dai clienti già presenti nei loro database.

Un altro aspetto che emerge dalla ricerca è il sorpasso nel digitale da parte dei multimarca di abbigliamento e accessori rispetto ai monomarca: negli ultimi cinque anni le vendite derivanti dall'e-commerce delle boutique multibrand e degli e-tailer sono cresciute di anno in anno del 30% rispetto a quelle legate agli e-store monomarca cresciute la metà, passando da un'incidenza di un terzo sul mercato dell’e-luxury nel 2011 a circa la metà nel 2016. Il motivo? Il maggior successo dei multimarca online è dovuto alla loro maggior competenza in termini di servizi al consumatore, spinta dalla forte concorrenza tra i player presenti sul mercato. La principale testimonianza del loro successo è rappresentata dal fatto che tutte le griffe del lusso, con poche eccezioni, collocano i propri prodotti sui loro scaffali digitali, unita al fatto che spesso il multibrand è stato l'opzione preferita dalle aziende ritardatarie in termini di digitalizzazione delle vendite.

Altro aspetto che emerge dalla ricerca è la crescita delle vendite dei monomarca strettamente collegate al digitale, che rappresentano circa 35% dei ricavi globali del lusso, superando le previsioni del 2015 (Fig. 3). A comporre questa cifra concorrono il puro canale e-commerce, che oggi contribuisce al 7,4% dei ricavi globali (un punto percentuale al di sotto delle aspettative) e le vendite in negozio compiute da clienti digitalmente contattabili via CRM, che pesano per il 28.5% (due punti percentuali in più).

 “Nell’industria del lusso l’e-commerce è un canale ormai consolidato, con ancora significativi spazi di crescita prevalentemente in Asia: l’offerta online è ormai molto ampia e con una vastissima estensione dei prezzi” – dichiara Marco Pozzi, Senior Advisor di Contactlab. “Tuttavia la crescita del canale e-commerce sta iniziando a rallentare, soprattutto nelle geografie anglosassoni, e sempre più ai brand conviene focalizzare l’attenzione sul customer engagement digitale dei clienti che acquistano in negozio, che è dimostrato comprino più frequentemente e spendano di più. Tuttavia i contenuti su web, social e digital direct marketing oggi appaiono ancora molto standardizzati, e spesso a livello locale c’è ben poco oltre alla mera traduzione. La nuova sfida è quindi quella di aumentare il livello di personalizzazione dei contenuti, utilizzando anche le forze già in campo come i sales associate, già presenti in tutti i negozi del mondo e con la migliore conoscenza dei clienti: il clienteling è la nuova Digital Frontier”.

Netcomm e Contactlab hanno recentemente ufficializzato la realizzazione di una Digital Competitive Map dedicata al mondo del Fast Luxury & Fast Fashion (link alla notizia su newsroom o su blog), che vedrà la luce il prossimo anno e coinvolgerà i brand e gli e-tailer più importanti di questo segmento, molto importante per la moda italiana.

Tags:
ricerca lusso
in evidenza
Dazn spegne i rumors sulla Leotta E' confermata sulla Serie A . Le foto

Sport

Dazn spegne i rumors sulla Leotta
E' confermata sulla Serie A. Le foto

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Mercedes partnership con Phi Beach

Mercedes partnership con Phi Beach


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.