A- A+
Costume
Il circo francese sta morendo

E' un'estate davvero brutta per i circi francesi. Ormai il 70 per cento dei transalpini occupati nell'attività circense è a casa senza lavoro. I motivi - come spiega un'inchiesta de Le Figaro - sono la quasi assenza di pubblico e i comuni che in molti casi vietano i permessi per l'installazione dei tendoni e delle strutture legate ai circhi.

In questi giorni, ad esempio, sulla costa basca nella tenda del circo di Roger Lanzac i clown continuano a far ridere i bambini. E il domatore Mordon continua imperterrito a domare "le sue terribili bestie" anche se di pubblico finora se n'è visto ben poco. Il parcheggio Leclerc è quasi vuoto proprio dove negli anni scorsi gli spettacoli vedevano il pienone.

"Dobbiamo stare a lungo in un posto per evitare che i costi aumentino troppo, ma dopo un po' la gente smette di venire", afferma Sébastien Zavatta. D'altronde i costi per i circhi sono alti: c'è da mantenere un tendone con 1.000 posti a sedere e la tassa di 1.600 euro pagata al Comune. E non sempre i pasti da 5 a 20 euro e una media di 20 euro spesi a famiglia per i popcorn bastano a coprire le spese per la luce e tutto il resto.

Tags:
circo francese
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

Scatti d'Affari
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.