A- A+
Costume
Omeopatia? "E' semplice zucchero". Omeopatia: quando NON va usata. I consigli

Omeopatia, il medico anti-bufale: omeopatia è semplice zucchero

"Quante volte ho spiegato che l'omeopatia è semplice zucchero? E quante volte alcuni non ci credono, tanto sembra impossibile? Capisco sia scioccante ma è così: un prodotto omeopatico (oltre la 12ch) è puro zucchero, niente altro". Lo ricorda Salvo Di Grazia, ginecologo dell'azienda sanitaria di Pieve di Soligo (Treviso), che ormai da anni cura 'Medbunker , le scomode verità'. Un blog che vanta 5.000 visite al giorno e, a suon di documenti e testimonianze, analizza e fa a pezzi le pseudocure e i 'guru' che le propinano a chi ha bisogno d'aiuto. "Quella di Ancona è una vicenda drammatica e, al di là delle responsabilità singole, del collega o degli stessi genitori, che spetta alla giustizia appurare, è importante rilevare anche le responsabilità delle istituzioni: non si può spacciare per medicina cose che medicina non sono", afferma Di Grazia all'AdnKronos Salute.

"Ecco perché sarebbe importante una seria campagna di informazione su cosa è davvero l'omeopatia, come funziona, eccetera. Poi c'è la libertà di scelta, ma prima di scegliere occorre conoscere. E la mancanza di informazioni confonde i pazienti. Quante volte ho ricevuto richieste di informazioni sul blog, e poi le lamentele di tantissimi pazienti pentiti? Questo perché, spesso - aggiunge il medico - l'omeopatia è confusa con l'erboristeria. Ma quando dico che non si tratta di questo, non sono pochi i pazienti arrabbiati perché si sentono presi in giro".

Proprio sulla vicenda del piccolo morto nelle Marche, Di Grazia ha pubblicato un post: "Un prodotto omeopatico (oltre la 12ch) è puro zucchero, niente altro. Non vi arrabbiate, non vi sentite imbrogliati da me ma da chi ve lo vende, o prescrive. Quando vi vendono omeopatici vi stanno dando caramelle senza effetti, analizzatele pure. Allora qualcuno dice: 'Se è zucchero, che pericoli possono esserci?'. Il primo - risponde il medico - non è un pericolo, è l'assurdità di spendere soldi e dare a chi sta male una finta medicina. Essere presi in giro non è bello e, se siete stati anche avvertiti, la scelta è tutta vostra".



OMEOPATIA, MEDICO ANTI-BUFALE, OMEOPATIA E' SEMPLICE ZUCCHERO



"Il secondo pericolo è reale - prosegue Di Grazia - Usare zucchero per curare le malattie non serve a nulla. Quasi sempre, fortunatamente, le malattie passano da sole, quasi sempre i disturbi dei bambini sono banali, quasi sempre prendere dello zucchero tranquillizza e fa passare i giorni. E' quel 'quasi' - avverte - che è un pericolo. Quando il malanno non passa da solo, prendere zucchero è pericoloso. Se proprio credete al potere delle caramelle omeopatiche, usatele solo per cose da niente, per piccoli disturbi, per sciocchezze, ma non usatele come medicine, non hanno effetti. Fate attenzione, almeno nei riguardi dei bambini", ammonisce nel post.

"Quello che confonde i pazienti è che il consiglio arriva da un medico: 'Se me lo dà il dottore, male non fa', si dicono - prosegue Di Grazia all'AdnKronos Salute - Ecco perché penso sia arrivato il momento di una seria campagna di informazione in cui si danno ai cittadini nozioni corrette. Perché poi si possa scegliere davvero liberamente".

Omeopatia, bimbo morto Ancona: ISS, serviva medicina tradizionale



Omeopatia?"Se un'infezione batterica e' grave non si puo' non ricorrere all'uso di farmaci tradizionali". Lo ha detto il dirigente dell'Istituto superiore di sanita', Giovanni Rezza, in un'intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, commentando la morte ad Ancona di un bambino di 7 anni a causa di un'otite curata con l'omeopatia.

"Da una parte c'e' l'ansia dei genitori - ha aggiunto Rezza - la paura a utilizzare vaccini, farmaci, tutto cio' che e' medicina tradizionale e questo paradossalmente porta a non curare gravi malattie. Dall'altra c'e' un uso improprio di farmaci o prodotti di non provata efficacia".

"C'e' una perdita di fiducia - ha sottolineato Rezza - nelle autorita' costituite in genere, i medici pure ne fanno le spese. Forse in parte sono colpevoli di questa mancanza di fiducia. Bisogna perdere, tra virgolette perdere, piu' tempo con i pazienti, bisogna accudirli di piu', bisogna essere piu' attenti alle loro esigenze. Se non c'e' attenzione alla persona si puo' rischiare una perdita di fiducia nella medicina tradizionale che e' l'unica medicina che veramente conta".
 

 

OMEOPATIA, Omeoimprese: il problema non è l'OMEOPATIA ma l'uso che se ne fa

 

"Il problema non sono i farmaci omeopatici, bensì l'utilizzo che ne viene fatto". Tanto più che "i nostri farmaci sottostanno alle regole dell'Agenzia italiana del farmaco come avviene per i generici, i radioterapici, gli emoderivati e qualunque altra classe farmaceutica". Lo afferma Giovanni Gorga, presidente di Omeoimprese, commentando le reazioni al caso del bimbo marchigiano ucciso da un'otite trattata con l'omeopatia. "La misura è colma", protesta il numero uno dell'associazione nazionale delle aziende del settore, denunciando un "clima da caccia alle streghe" e una "confusione strumentale". "C'è chi attacca strumentalmente il settore e parla di acqua fresca perché non conosce l'utilizzo dei nostri farmaci - osserva Gorga in una nota - e c'è chi addirittura parla di terapie alternative. Alternative a cosa? La medicina è una sola. Se un intervento non riesce non è colpa del bisturi, bensì della mano del chirurgo che lo ha utilizzato. Questo vale per l'omeopatia e per qualunque categoria farmaceutica". Il presidente di Omeoimprese sottolinea che "l'omeopatia è utilizzata da 20.000 medici italiani, laureati in medicina e iscritti ad appositi registri dopo aver frequentato Scuole di specializzazione accreditate, come previsto da una legge dello Stato del 2012, a tutela dei pazienti e contro la pratica del fai da te". Ed evidenzia che, "secondo quanto disposto dalla legge di Stabilità 2015, entro il 30 giugno dovremo presentare all'Aifa la documentazione relativa ai singoli preparati per ottenere l'autorizzazione all'immissione in commercio, nel rispetto della normativa europea in vigore, e a tutela e sicurezza dei pazienti"

 

OMEOPATIA: ROMANI (IDV), STOP AD ATTACCO A MEDICINE NON CONVENZIONALI

 

"Ancora, di nuovo, è caccia alle streghe. Dopo avere iniziato a radiare medici che mettono in discussione l'imposizione delle vaccinazioni e la totale innocuità del Piano nazionale delle vaccinazioni, arriviamo all'attacco contro le medicine non convenzionali, prendendo il caso di un errore medico, che ha sottovalutato le condizioni del paziente, per radiare anche coloro che praticano la medicina omeopatica. Con lo stesso principio al primo decesso per colpa di un medico o di un chirurgo andranno radiati tutti i medici che operano in ospedale con quelle medicine o quegli interventi". Lo dichiara il senatore Maurizio Romani (Idv), vicepresidente della commissione Sanità, a seguito della morte del bambino di 7 anni curato per un'otite con l'omeopatia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
omeopatiaomeopatia consigliomeopatia rischiomeopatia che cos'è
in evidenza
CR7-Manchester, divorzio vicino Georgina mostra il pancione

Le foto

CR7-Manchester, divorzio vicino
Georgina mostra il pancione

i più visti
in vetrina
Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...

Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo e Jeep protagoniste agli “International Motor Days” di Cortina

Alfa Romeo e Jeep protagoniste agli “International Motor Days” di Cortina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.