A- A+
Costume
Da Molino Caputo e Dieffe un dolce per il santo più pop della cristianità.

Da secoli ogni napoletano si affida a lui nei momenti più difficili per richiedere aiuto e protezione. E da secoli tra le varie tradizioni legate al culto del santo patrono di Napoli è anche un dolce. Con questo spirito, ritorna a Napoli il Pastry  Contest “San Gennà…un dolce per San Gennaro”, seconda edizione del concorso per la creazione di un dolce in onore del santo più pop della cristianità, da sempre venerato tanto dai nobili quanto dal popolo. Il tesoro a lui dedicato, custodito nell’omonimo museo adiacente al Duomo di Napoli, è considerato il più ricco del mondo, con un valore che supera quelli della corona d’Inghilterra e degli zar di Russia.

La prima edizione, nata dalla collaborazione tra Mulino Caputo e la Dieffe Comunicazione, scaturiva dalla consapevolezza che, nella ricchissima tradizione pasticcera napoletana, mancasse un tributo dolciario al più amato tra i 52 compatroni della città di Napoli. Questa seconda edizione, voluta da Mulino Caputo, si svolgerà a  Napoli l’8 luglio, presso il Roof Garden Terrazza Angiò del Renaissance Naples Hotel Mediterraneo, e chiama all’appello la creatività degli artigiani dell’arte bianca di tutt’Italia, invitati alla realizzazione di un dolce dedicato al Santo.

“Abbiamo deciso di riprendere questo evento -dichiara Antimo Caputo, amministratore del Mulino Caputo- perché amiamo stimolare e sostenere il confronto creativo tra i maestri pasticceri. Inoltre, ci piace l’idea che professionisti di ogni regione abbiano la possibilità di lavorare con prodotti italiani, interpretandoli e abbinandoli in base alla propria formazione e alle rispettive specificità culturali e territoriali”. Il regolamento, infatti,  fa riferimento a un dolce a lunga conservazione che dovrà attingere i propri ingredienti dal vasto paniere dei prodotti Igp e Dop italiani, utilizzare la farina Mulino Caputo  e uno dei  prodotti dello sponsor Agrimontana, azienda italiana riconosciuta in Italia e nel mondo, tra l’altro,  per la qualità dei suoi canditi e marron glacé. Bisognerà, inoltre,  inserire  nella ricetta un ingrediente rosso, che faccia riferimento al prodigio del sangue di San Gennaro. Ad accogliere l’invito alla sponsorizzazione dell’evento anche un’altra azienda di grande prestigio, prima in Italia e quinta a livello europeo nel suo settore, la Snaidero Arredamenti spa, che partecipa unitamente alla napoletana Arredamenti Lo Stile di Pasquale e Stefano Salierno.

Il contest “San Gennà…un dolce per San Gennaro” ottiene il patrocinio morale della più autorevole associazione nazionale di categoria, l’Associazione maestri pasticceri italiani.

La giuria che decreterà il vincitore sarà formata da quattro maestri pasticceri di altissimo profilo: Luigi Biasetto, Relais Dessert e già Champion du Monde; Gino Fabbri, presidente dell’Ampi;  il pluripremiato Sal De Riso di Minori e Salvatore Gabbiano, vincitore della prima edizione del contest dedicato a San Gennaro. Assieme a loro ci saranno Antimo Caputo, Massimo Manelli, ceo della Snaidero Arredamenti, e Gianni Simioli, giornalista radiofonico di Rtl  e Radio Marte,  nonché ideatore del San Gennaro Day,  appuntamento fisso del settembre napoletano. Al vincitore di ciascuna delle due categorie, torta e monoporzione, andrà un premio di 500 euro e una fornitura di farine Mulino Caputo. Il regolamento del concorso è visionabile sulla pagina facebook di Mulino Caputo e sulla quella della Dieffe Comunicazione.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    molino caputomolino caputo napolipastry contestdieffe
    in evidenza
    Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

    Scatti d'Affari

    Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

    i più visti
    in vetrina
    Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

    Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km

    Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.