A- A+
Cronache
A nove anni ucciso in tenda. Trovata morta anche la madre

 

Un bambino di 9 anni, Patrick Lorenzi, è stato trovato morto, alle 23 di giovedì, sul Monte Avaro, a Cusio, in Val Brembana. Il corpicino è stato scoperto in un prato dai carabinieri della compagnia di Zogno e dagli uomini del Soccorso alpino. Gli inquirenti parlano di ferite procurate con un oggetto contundente e tagli di cui è difficile stabilire la natura, cioè non sarebbero stati inferti con un coltello ma più probabilmente con un’arma improvvisata, forse un pezzo di legno. La Procura di Bergamo ha aperto un fascicolo per omicidio. Venerdì, poco dopo le 13, è stato individuato anche il cadavere della madre, che era con lui.

Si tratta di Jessica Mambretti, 40 anni. Viveva con Patrick in un appartamento in affitto in via Canera, a Ponteranica, dove si era trasferita nel 2010 lasciando Pontida. A cento metri si trova la casa del padre del bimbo, Marco Lorenzi, che era tornato dai genitori dopo la rottura con Jessica. I due non si erano mai sposati e si erano allontanati da tempo. Non erano in buoni rapporti, ma pare che l’uomo, titolare di un negozio di videogiochi in via Ruggeri da Stabello, a Bergamo, li mantenesse entrambi. Jessica Mambretti soffriva di depressione e da qualche tempo era in contatto con i Servizi sociali del Comune alle porte di Bergamo. Patrick frequentava le elementari del paese.

Madre e figlio si erano accampati mercoledì a circa 20 minuti di camminata dal rifugio, a fianco del sentiero 109, che conduce a Ca’ San Marco, in una zona inusuale per il campeggio. A dare l’allarme è stato un pastore della Valtellina. All’alba di giovedì ha notato la tenda con una luce all’interno, chiusa. «Verso sera, quando è ripassato - racconta venerdì mattina Oscar Paleni, gestore dell’albergo rifugio Monte Avaro - la tenda era ancora così. Chiusa e con la luce. Non si vedeva nessun movimento. Pensando che potesse trattarsi di qualcuno che si era sentito male, l’ha aperta e ha trovato la pila accesa, due zaini, uno più piccolo con alcuni giocattoli e un foglio: le spiegazioni di un farmaco antidepressivo. Ha trovato anche un cellulare con “Mamma” tra i numeri comparsi. Ha chiamato e la nonna del bambino gli ha spiegato che si trattava della figlia e del nipote. Piangendo, gli ha chiesto di chiamare i carabinieri perché la figlia stava passando un periodo difficile». Il pastore si è rivolto al rifugio e da lì è partita la telefonata al 112, che era già stato pre allarmato dalla nonna. Alle 23, il ritrovamento, a circa 200 metri dalla tenda, su un prato del Monte Foppa.

Patrick, che avrebbe compiuto 10 anni a febbraio, e la mamma erano saliti al Monte Avaro mercoledì, con il primo giorno di bel tempo. Non si sa se siano passati dal rifugio, che è raggiungibile in auto. «Forse vedendo una fotografia potrei ricordarmeli - dice Paleni -, ma mercoledì era una bella giornata ed è girata parecchia gente. Non ci ho fatto caso». La tragedia dovrebbe risalire a prima di giovedì mattina, forse a mercoledì sera, quando era già buio, dato che all’interno della tenda c’era la pila accesa.

Tags:
bimbomorto
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo: torna l’entrata gratuita nei musei della Banca

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo: torna l’entrata gratuita nei musei della Banca





casa, immobiliare
motori
Honda Civic e:HEV: l’ibrida in chiave sportiva

Honda Civic e:HEV: l’ibrida in chiave sportiva


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.