A- A+
Cronache
Brindisi, minigonne bandite in tribunale

di Cosimo Cardone

Da oggi i responsabili della vigilanza del tribunale di Brindisi oltre ad effettuare i tradizionali controlli con il metal detector per gli addetti ai lavori e per tutti coloro che a vario titolo si recheranno in tribunale, dovranno anche garantire quanto previsto dal provvedimento predisposto dal presidente del Tribunale, Francesco Giardino, con in quale ha bandito dal palazzo di Giustizia minigonne, abiti trasparenti, scollature e vestiti non decorosi.

Nella nota che è stata affissa all’ingresso del tribunale, inviata dal presidente al Responsabile dell’Area Sicurezza e al Procuratore della Repubblica è scritto quanto segue: “Per evitare il reiterarsi di situazioni incresciose all’ingresso del Palazzo di Giustizia, La informo che l’ingresso non è consentito alle persone vestite modo non decoroso, intendendo per tale pantaloncini, salvo che costituiscano elementi di divisa degli appartenenti alle forze armate, vestiti eccessivamente scollati o trasparenti, minigonne, ciabattine infradito ecc.”

Tags:
brindisiminigonnetribunale
in evidenza
La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO

La V° edizione, dal 26 al 28 agosto

La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO


in vetrina
Eleonora Berlusconi in vacanza La single più desiderata d’Italia

Eleonora Berlusconi in vacanza
La single più desiderata d’Italia





casa, immobiliare
motori
Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL

Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.