A- A+
Cronache

 

tribunale8

Pena ridotta in appello, dall'ergastolo comminato in primo grado a trent'anni di carcere, per Salvatore Capone, 40 anni, che il 12 novembre 2009, al culmine di una lite nella loro abitazione di Giarre, diede fuoco alla moglie, Maria Rita Russo, 31 anni, dopo averla cosparsa di liquido infiammabile.

La donna morì dieci dopo nel centro Grandi ustionati dell'ospedale Cannizzaro di Catania. Nel rogo rimasero feriti i due figli gemelli della coppia, un maschio e una femmina, che avevano tre anni. La sentenza è stata emessa dalla Corte d'assise d'appello di Catania che ha riconosciuto a Capone la "desistenza attiva" per il tentato omicidio dei suoi figli e ha ridotto la pena.

Tags:
ergastolomoglieomicidiocatania
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.