A- A+
Cronache
Carceri: Castellano, 'scongiurare pene detentive e ripensare gestione ospiti'

Carceri, Lucia Castellano: "A mio avviso l'insensatezza del carcere va combattuta". Ecco la sua ricetta

"A mio avviso l'insensatezza del carcere va combattuta riducendo drasticamente il ricorso a questa forma di risposta punitiva. Oggi, grazie anche alla riforma Cartabia, abbiamo tutti gli strumenti per farlo". E' quanto sottolinea Lucia Castellano, provveditrice generale delle carceri campane, in un suo intervento pubblicato su La Stampa. "Sotto i 4 anni di pena, in carcere non ci si dovrebbe finire, in sintesi. Sappiamo anche che così non è - prosegue -, ci sono migliaia di persone che devono scontare anche solo un anno e sono dentro. I 15 istituti di pena della mia regione soffrono di gigantismo (il 'monstrum' è rappresentato da Poggioreale, con i suoi 2.150 ospiti), e di nanismo (penso a Eboli, che ne ha solo 37). Con tutta la buona volontà possibile riesce davvero difficile garantire condizioni di vita dignitose e una quotidianità costituzionalmente orientata a più di 2.000 persone recluse in un unico posto, per di più dagli spazi estremamente angusti".

"La distribuzione dei detenuti, l'organizzazione di circuiti detentivi che consentano una vita dignitosa e un contatto costante con il territorio è impresa titanica, ma è il primo elemento su cui si misura il senso e la dignità della carcerazione. Significa provare a dare un'identità, non solo nominale ma anche sostanziale a ciascun istituto, pretendendo, innanzitutto, una distribuzione omogenea di persone all'interno (non troppe, né troppo poche) e poi un'offerta potente di opportunità lavorative, formative e di contatto con il territorio, che renda sensato il tempo detentivo", evidenzia Castellano a giudizio della quale "la sfida per una ritrovata identità parte dal territorio", il rapporto tra quest'ultimo e il carcere "deve essere quello di due vasi comunicanti, o non se ne esce".

"Lavorare sul sistema regione - aggiunge - è la prima, difficile sfida, che consiste nel tentativo di ridurre il numero di ospiti a Poggioreale (dove, proprio oggi, si è consumato l'ultimo suicidio, un ragazzo di 30 anni detenuto per spaccio, fine pena 2026) e di proporre, calibrando bene esigenze di sicurezza e di reinserimento sociale, percorsi detentivi quanto più possibile disegnati sulla storia delle persone detenute". Infine, "va costruita una quotidianità penitenziaria che riduca al massimo l'afflittività aggiuntiva, fatta di giornate sempre uguali, di regole non spiegate e spesso incomprensibili, di mancanza di scopo e di prospettiva del tempo detenuto".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carcericastellano
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari gastronomici/ Il direttore Perrino dialoga con gli chef Antonella Ricci e Vinod Sookar. La presentazione del libro di ricette "Dalla Puglia con amore"

Guarda il video

Affari gastronomici/ Il direttore Perrino dialoga con gli chef Antonella Ricci e Vinod Sookar. La presentazione del libro di ricette "Dalla Puglia con amore"


in vetrina
Una nuova speranza per i malati di Sla: la svolta è un farmaco per la leucemia

Una nuova speranza per i malati di Sla: la svolta è un farmaco per la leucemia





motori
Nuova Audi RS Q8: record al Nurburgring

Nuova Audi RS Q8: record al Nurburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.