A- A+
Cronache
Caso Grillo, "Volevo urlare ma ero bloccata. I ragazzi facevano da barriera"

Caso Grillo, "Volevo urlare ma ero bloccata. I ragazzi facevano da barriera"

Il caso del presunto stupro di gruppo ad opera di Ciro Grillo e dei suoi tre amici ai danni di una ragazza in vacanza in Sardegna nell'agosto 2019 continua a far discutere. Le indagini sono ancora in corso e si potrebbe andare ad un rinvio a giudizio per il figlio del garante del M5s e gli altri indagati, ma i legali della difesa hanno chiesto ulteriori interrogatori e i tempi potrebbero così ulteriormente slittare. Dai verbali della ricostruzione dei fatti da parte della vittima, Silvia, davanti ai pm emergono fatti nuovi. "Mi è venuto in mente di urlare, non è che non mi è venuto in mente, ma non riuscivo. Perché, - spiega Silvia - cioè, ero... più concentrata a tirarlo via o comunque... sì, poi c’erano anche gli altri.. ero in una situazione un po’ che mi vergognavo... Non lo so... mi sentivo.... Gli altri ragazzi - si legge sul Corriere della Sera - mi hanno fatto tipo da barriera». Quindi — è il resoconto del verbale — il ragazzo che aveva abusato di lei la trascina in bagno e continua a porta chiusa.

"Io in quel momento - prosegue il Corriere  - mi sentivo quasi come arresa...quando camminavo non sentivo i piedi per terra». Oppure: non è scappata perché «prendi e te ne vai... sì, ok. Però io avevo sotto la mia responsabilità Roberta, perché era mia ospite in Sardegna, no?». Quando parla del fatto che la costrinsero a bere vodka, per dire («Uno mi ha preso per i capelli e mi hanno messo la bottiglia in bocca») la pm obietta: «E tu le mani dove ce le avevi?». «Le mani ce l’ho giù. No eee... non ho reagito». «Come mai?». «Mi sono lasciata andare... un po’ per paura... un po’... perché non ci capivo più niente... non capivo veramente cosa mi stesse succedendo... una serata così confusa non l’ho mai vista. Cioè, non lo so sinceramente. In quel momento mi volevo lasciar andare e... non so, mi sentivo morire... dentro... vuota completamente. In più, cioè ero come... lascia fare quello che vogliono... non ce la faccio più a reagire». In un altro punto del verbale spiega che «poi ero anche terrorizzata, non sapevo cosa stesse succedendo, obiettivamente non te l’aspetti una cosa del genere".

Commenti
    Tags:
    caso grillociro grillogrillo jrstupro gruppo ciro e amicistupro gruppo figlio grillovideo grillosilvia ciro grillocosta smeralda
    in evidenza
    Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

    Euro 2020, super Italia

    Gioiello di Pessina, Galles ko
    Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente





    casa, immobiliare
    motori
    Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

    Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.