A- A+
Cronache

 

inquinamento 2

Anni dopo le prime denunce, il governo di Pechino ha riconosciuto l'esistenza in Cina dei cosiddetti 'villaggi del cancro', aree cosi' inquinate da registrare una maggiore incidenza di tumori. L'utilizzo del termine in un documento ufficiale, probabilmente una 'prima volta' assoluta, arriva mentre aumenta il malcontento popolare per lo smog crescente, il precario smaltimento dei rifiuti industriali e le conseguenze spesso devastanti del rapido sviluppo industriale del gigante asiatico.

"Materiali chimici tossici e nocivi hanno creato una seria di emergenze nell'acqua e nell'atmosfera... e certi luoghi sono considerati 'villaggi del cancro'", si legge in una relazione del governo che delinea il piano quinquennale di sviluppo. Nel documento, il ministero dell'Ambiente non spiega ne' da' una definizione tecnica del termine, ma riconosce che la Cina utilizza "prodotti chimici tossici e nocivi" vietati nei Paesi sviluppati e che "costituiscono un danno potenziale e di lungo termine per la salute umana e l'ambiente". Nel 2009 un giornalista cinese diffuse su Internet una mappa che indicava decine di 'villaggi del cancro'.

Tags:
cinavillaggicancro
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Ford Bronco sbarca in Europa

Ford Bronco sbarca in Europa


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.