A- A+
Cronache

Una sanzione amministrativa di 1 milione di euro. E' la richiesta di patteggiamento presentata dalla Costa Crociere in relazione all'inchiesta sul naufragio della nave Concordia, accolta dal gip di Grosseto, Valeria Montesarchio, al termine della camera di consiglio.

 

E' quanto si apprende da fonti vicine alla compagnia di navigazione. Questa richiesta di patteggiamento e' relativa al Dl 231/01, che sancisce che un'azienda in alcuni casi possa essere ritenuta responsabile per la condotta dei propri dipendenti.

concordia corpi 27

Guarda la gallery

 

"VADA A BORDO, CAZZO!". DENTRO IL PROCESSO: LE CARTE SEGRETE DEL NAUFRAGIO CONCORDIA

 CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO IN FORMATO CARTACEO

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO IN FORMATO EBOOK

************************************************
concordia web

 

Tags:
concordiacosta crocierepatteggiamento
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.