A- A+
Cronache
Coronavirus, in Veneto sì alle seconde case. Le Marche riaprono le gelaterie

Coronavirus, in Veneto sì alle seconde case. Le Marche riaprono le gelaterie

L'emergenza Coronavirus in Italia non si placa. La "fase 2" che ha in mente il governo, non coincide con le idee delle Regioni. Così si va in ordine sparso, da chi come il Veneto riapre quasi tutto a chi cerca di interpretare il Dpcm a modo suo, manca una linea comune. Tra i più critici - si legge sul Corriere della Sera - c’è Luca Zaia, presidente del Veneto, che in queste settimane ha dimostrato di voler agire in autonomia: «L’approccio è sbagliato, dobbiamo rovesciarlo. Si deve mettere in sicurezza il cittadino, con i dispositivi di protezione, e poi aprire tutto quello che è possibile». Zaia critica, quasi provocatoriamente: «Dicono che sconfino. Ma sconfino che? Sconfina il governo. Allora, visto che sconfino, stamattina ho firmato un’altra ordinanza. Anche perché, leggendo il decreto non si capisce cosa si può fare dopo il 4 maggio. Non vorrei che fosse come il bagno al mare. Puoi farlo ma se hai la casa in spiaggia». Da oggi è consentito in Veneto lo spostamento individuale su tutto il territorio regionale per recarsi alle seconde case di proprietà o alle imbarcazioni ormeggiate al di fuori del Comune per la manutenzione. Si può fare attività motoria in tutto il territorio comunale, anche in bici, ma con mascherina e guanti. Ed è consentita la «vendita di cibo per asporto tramite veicolo, senza uscita di passeggeri».

In Emilia-Romagna via libera agli esercizi di toelettatura degli animali da compagnia e alla vendita d’asporto in rosticcerie, friggitorie, gelaterie, pasticcerie, pizzerie al taglio, ma solo dietro ordinazione on-line o telefonica e quindi in maniera contingentata, per evitare assembramenti fuori e la presenza di non più di un cliente dentro il locale. Restano le restrizioni a Rimini e Piacenza. La Toscana ha fatto ripartire i settori produttivi dell’export, in particolare a Prato. Da oggi, per un decreto emanato dal presidente della Regione Luca Ceriscioli, nelle Marche è consentita la vendita di cibo da asporto da parte degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e da parte delle attività anche artigianali come rosticcerie, friggitorie, gelaterie, pasticcerie, pizzerie al taglio. Critico con l’esecutivo anche il governatore abruzzese Marco Marsilio che vede «troppa confusione e troppa lentezza per la ripartenza».

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirusemergenza coronaviruscoronavirus newscoronavirus italiacoronavirus regionicoronvirus marchecoronavirus venetcoronavirus fase 2coronavirus riaperture
    Loading...
    in evidenza
    Gregoraci, bacio col bel Pierpaolo La piscina è bollente. Foto-Video

    GRANDE FRATELLO VIP 5 NEWS, SQUALIFICA E NOMINATION

    Gregoraci, bacio col bel Pierpaolo
    La piscina è bollente. Foto-Video

    i più visti
    in vetrina
    ELISABETTA CANALIS NUDA IN PISCINA: "FREEDOM". Le foto delle Vip

    ELISABETTA CANALIS NUDA IN PISCINA: "FREEDOM". Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Opel Mokka prezzi a partire da 22.200 Euro in Italia

    Nuova Opel Mokka prezzi a partire da 22.200 Euro in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.