A- A+
Cronache
Csm, svelato il "metodo Amara". Spunta Casellati. Chat segrete, nomi in codice
Foto LaPresse

Csm, svelato il "metodo Amara". Spunta Casellati. Chat segrete, nomi in codice

Nuovo scandalo nel Csm, svolta improvvisa nelle indagini. Finisce in carcere Piero Amara, l'ex avvocato dell'Eni, l'uomo che svelò l'esistenza della "Loggia Ungheria". Un sistema di corruzione basato sulla regola "per gli amici, i favori; per gli altri, la legge". C’è di tutto e di più - si legge sulla Stampa - nel nuovo filone dell’inchiesta della procura di Potenza sull’ex procuratore di Trani e Taranto Carlo Maria Capristo in combutta con l’avvocato siciliano Amara. Undici indagati, di cui quattro arrestati, due in carcere e due ai domiciliari. L’inchiesta di Potenza pennella un bozzetto del «metodo Amara» caratterizzato da «serialità e modalità spregiudicate». Adeschi un pm di provincia e ottieni da lui «lucrosi incarichi» per te, «benevoli trattamenti giudiziari» per i tuoi clienti, impunità e benefici per i tuoi amici a scapito dei loro nemici. In cambio, "con abile capacità organizzativa e manipolativa", metti a disposizione la tua "rete romana" per "soddisfarne le esigenze di carriera" nel mercato delle vacche del Csm.

Amara - prosegue la Stampa - garantisce un rapido e diretto accesso a «soggetti dotati di alte cariche istituzionali». Al Csm Luca Palamara (tramite «il faccendiere» Fabrizio Centofanti) e il sodale di Unicost Massimo Forciniti, la laica di sinistra Paola Balducci (avvocato, già assessore pugliese con Vendola, generosa ospite di cene ambite dai magistrati) e la laica di Forza Italia Elisabetta Casellati. In Parlamento Amara arriva a Luca Lotti (all’epoca con Renzi a Palazzo Chigi), Francesco Boccia (parlamentare pugliese, sarà ministro nel Conte bis), Denis Verdini (allora pilastro del governo Renzi e interessato alle nomine giudiziarie a Firenze, dov’era assai inguaiato).

L’inchiesta di Potenza - spiega La Stampa - è rilevante per diversi motivi. L’incrocio con altre indagini (Milano, Roma). Il coordinamento con altre Procure, Perugia in primis. Il metodo investigativo, che depotenzia le «mezze verità» di Amara e punta su riscontri esterni: intercettazioni, 80 testimoni, conti correnti. E chat, almeno quelle non criptate. Perché la rete comunicava sulla piattaforma Wickr con cancellazione automatica e nomi in codice: Escobar, Peter Pan, Zorro e Minchia.

Commenti
    Tags:
    csmpiero amarainchiesta amaraarrestato amaraloggia ungheriaelisabetta casellatimetodo amaraluca palamara
    in evidenza
    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    Colpo di tele-mercato

    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena
    Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente





    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.