A- A+
Cronache
"Daniele mi ha tolto il passamontagna. Dopo l'omicidio non avevo più fiato"

Omicidio Lecce, il killer: “Lui si è spaventato quando mi ha visto, avevo il passamontagna"

"Sono colpevole e ammetto di avere ucciso De Santis Daniele e Manta Eleonora. Sono entrato in casa con le chiavi. Ne avevo una copia che avevo fatto prima di lasciare l'abitazione presa in affitto da novembre fino al lockdown. Poi sono ritornato nell'abitazione a luglio rimanendo fino alla meta' di agosto 2020". Con queste parole, riassunte e verbalizzate dagli inquirenti, Antonio De Marco, ha confessato di essere stato l'autore del duplice omicidio dell'arbitro leccese e della sua fidanzata la sera del 21 settembre scorso. "Durante la permanenza nell'abitazione mi aveva dato fastidio qualcosa. Ho provato e accumulato tanta rabbia che poi e' esplosa. Non sono mai stato trattato male. La mia rabbia, forse, era dovuta all'invidia che provavo per la loro relazione..", si legge ancora nel verbale delle dicharazioni del ventunenne studente di Scienze infermieristiche durante l'interrogatorio da parte dei magistrati della procura della Repubblica di Lecce dopo il suo arresto.

Omicidio Lecce, il killer: "Quando ho colpito lui ha cercato di aprire la porta per scappare"

"Non avendo molti amici e per il fatto che trascorro molto tempo in casa da solo mi sono sentito molto triste (...)", ha aggiunto De Marco. Poi il racconto della preparazione del delitto: "Per uccidere la coppia (...) ho acquistato il coltello da caccia presso il negozio denominato "........". Del coltello me ne sono disfatto. Non ricordo quando ho scritto il biglietto, ne' ricordo cosa intendessi dire con "caccia al tesoro". Altre volte ho sofferto di momenti di rabbia (...) Ho scritto solo due giorni prima i biglietti". Il riferimento e' ai 'pizzini' su cui De Marco aveva annotato con dovizia di particolari le varie fasi della sua azione. "Sono andato a trovare Daniele ed Eleonora convinto di trovare entrambi. Quando sono entrato in casa i due erano seduti in cucina (...)", afferma De Marco. E prosegue: "Ho incontrato Daniele nel corridoio il quale si e' spaventato perche' avevo il passamontagna. Dopo aver avuto una colluttazione con lui li ho uccisi. Quando ho colpito lui ha cercato di aprire la porta per scappare. Ho ucciso prima lei e poi ho colpito nuovamente Daniele. Dopo aver lottato con loro sono andato via senza scappare perche' non avevo fiato (...)".

Omicidio Lecce, il killer: "Dopo la collottazione lui mi ha sfilato il passamontagna"

Questo il racconto delle fasi cruciali dell'azione omicida. "Il passamontagna mi e' stato sfilato da Daniele il quale poi mi ha riconosciuto. Ho sentito gridare "Andrea". Loro non hanno mai pronunciato il mio nome. Indossavo dei guanti che poi si sono strappati perdendone forse uno solo o un frammento. Dopo aver compiuto il gesto sono tornato a casa mia sita in via Fleming. Ho dormito fino alla mattina successiva. Mi sono disfatto dei vestiti gettandoli in un bidone del secco di un condominio poco distante dall'abitazione. La fodera faceva parte del coltello che ho comprato (...) Insieme ai vestiti c'erano le chiavi e il coltello acquistato in contanti. La candeggina l'ho acquistata presso un negozio, quella sera portavo al seguito anche uno zainetto di colore grigio con dentro la candeggina, delle fascette ed il coltello nonche' della soda". Cosi' si conclude il verbale che contiene la confessione di Antonio De Marco.

Loading...
Commenti
    Tags:
    omicidio leccecoppia uccisa leccekiller leccedaniele de santiseleonora mantia
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Skoda svela le nuove Octavia Rs e Octavia Scout

    Skoda svela le nuove Octavia Rs e Octavia Scout


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.