A- A+
Cronache
Due italiani trovati morti in un albergo a New York. Mistero sulle cause

 Giallo a New York: due italiani trovati morti in una camera d'albergo

Due italiani, di 38 e 48 anni originari di Rovigo, sono stati trovati morti in un albergo a New York. La notizia è stata comunicata dal Consolato italiano al comando dei Carabinieri di Rovigo.

Le vittime erano soci e si trovavano negli Stati Uniti per motivi di lavoro. Il più giovane, Luca Nogaris, 38 anni, era un artigiano, mentre  Alessio Picelli, 48 anni, era un arredatore d''interni, come riporta l'Ansa.

 Non si conoscono al momento le cause della morte dei due connazionali.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    italianiitaliani mortinew york
    Iscriviti al nostro canale WhatsApp





    in evidenza
    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    Guarda le foto

    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio





    motori
    BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

    BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.