A- A+
Cronache

Un tumore al pancreas, una invalidità al cento per cento e 26 bollette non pagate: così il gestore unico gli stacca l'acqua. E' la storia di un uomo di 56 anni di Pirri, provincia di Cagliari, che da sabato scorso è costretto a vivere senza acqua nella sua casa insieme alla moglie a alle sue due figlie. Abbanoa, il gestore del servizio idrico sardo, ha provveduto allo slaccio dopo che l'uomo, moroso, non ha rispettato le scadenze di ben 26 bollette.

La vicenda è finita sul blog di Beppe Grillo suscitando una marea di polemiche e di commenti di solidarietà. Dura la reazione in Sardegna dove la vicenda è stata definita "kafkiana". Nel Consiglio provinciale di Cagliari è stata presentata un'interrogazione. Ferma la risposta di Abbanoa, riportata da L'Unione Sarda: "Lo slaccio è un atto dovuto. Dal 2003 il cliente ha pagato solo due bollette su 28. Gli sono stati inviati diversi solleciti per una morosità che risale a prima dell'aggravarsi del suo stato di salute. Siamo venuti incontro al cliente rateizzando il pagamento, prima in 5 rate, poi in 8, poi in 10, ma l'utente non ha mai pagato comunque. Preso atto, abbiamo dovuto disporre lo slaccio".

Tags:
malatocancroacqua
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.