A- A+
Cronache
documentario carcere 500

Non posso fare a meno di manifestare la mia preoccupazione e la mia rabbia per il senso di impotenza che è inevitabile provare di fronte a queste notizie. Anche perché questo caso, purtroppo, non è l’unico registrato nelle ultime settimane”. È quanto ha dichiarato Alessandra Naldi, Garante per il Comune di Milano dei Diritti delle persone private della libertà, a seguito della notizia della morte di una persona di 78 anni, detenuta nel carcere di San Vittore e gravemente malata, a cui il magistrato di sorveglianza non avrebbe riconosciuto l’incompatibilità con il carcere.

Sempre nel carcere di San Vittore, nel III° reparto, a metà marzo, è morto un giovane tossicodipendente – ha spiegato Naldi –. Pare che stesse male già durante il giorno e che sia deceduto durante la notte. All’inizio di aprile, sempre nello stesso reparto, è morto un altro giovane detenuto. Entrambi i decessi sembrerebbero imputabili a cause naturali, ma i compagni di detenzione riferiscono di una lunga attesa prima dell’intervento dei sanitari, fatto normale in un carcere in cui di notte un solo agente deve controllare più piani. Inoltre, in uno di questi due casi, sembra ci fosse stata una caduta dal letto a castello qualche ora prima del decesso.Un altro decesso, catalogato come suicidio, è stato registrato a metà marzo nel reparto di massima sicurezza del carcere di Opera. Quattro morti in un mese e mezzo sono francamente troppi. Chiedo che la Magistratura faccia piena luce su questi casi, individuando eventuali responsabilità. Ma chiedo anche che si faccia tutto il possibile perché casi simili non si debbano più ripetere”.

Nel corso dei primi mesi della mia attività – ha proseguito il Garante – ho ricevuto molte segnalazioni di persone detenute nonostante una situazione di palese incompatibilità con le condizioni detentive. Persone anziane, invalide o gravemente malate sono costrette a vivere nelle celle chiuse per la maggior parte della giornata, in condizioni detentive e con un’assistenza sanitaria inadeguate. Per fare un esempio, nel Centro clinico di San Vittore, dove sono detenute diverse persone cardiopatiche o a rischio per le loro patologie, le celle non sono neanche dotate di un campanello per richiedere aiuto di notte. E, comunque, in vari reparti del carcere, un solo agente di notte deve controllare più piani, e quindi i tempi di intervento in caso di urgenza sono ovviamente troppo lunghi. Così la carenza di personale e di risorse all’interno del carcere impediscono spesso di intervenire in tempo per salvare vite umane. Molte morti in carcere si potrebbero, e si devono, evitare”.

DETENUTO MUORE A VELLETRI, GARANTE "E' EMERGENZA" - Un detenuto di 53 anni, Claudio T., e' morto per un malore nel carcere di Velletri, dove era recluso dallo scorso mese di marzo. Lo rende noto il Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni. Il decesso e' avvenuto la notte fra il 30 aprile ed il 1 maggio. E' il quarto decesso registrato nelle carceri del Lazio dall'inizio del 2013; il secondo in poco meno di un mese a Velletri dopo quello del 27 marzo di un marocchino di 27 anni, Mohamed Saadaoui, le cui cause sono ancora in fase di accertamento. "Sarebbe un errore rubricare 'morte per malattia' il decesso di quest'uomo - ha detto il Garante dei detenuti Angiolo Marroni - perche' il problema e' il contesto in cui e' avvenuta. A Velletri sono presenti 635 detenuti a fronte di 444 posti. La meta' di loro assume psicofarmaci e in 240 sono in carico al Sert. Circa 80 detenuti sono sottoposti a grande o grandissima sorveglianza. Il paradosso e' che il nuovo padiglione, aperto di recente, e' sottoutilizzato perche' ha una impostazione di 'regime aperto' ma, per quanto appena detto, la stragrande maggioranza dei detenuti presenti e' incompatibile con un regime di bassa sorveglianza. Il personale di polizia penitenziaria e', poi, drammaticamente sotto organico: attualmente sono in 209 per 635 presenti quando la norma imporrebbe un rapporto agente/detenuto pari a 0,80. In queste condizioni - conclude Marroni - e' davvero difficile che in carcere possa essere garantita non solo l'applicazione dell'art. 27 della Costituzione, ma anche un efficace diritto alla salute per i reclusi".

CANCELLIERI, AVRO' GRANDE ATTENZIONE A BISOGNI DETENUTI - "Mi impegnero' per rendere sempre piu' civili le condizioni di vita dei detenuti. Avro' grande attenzioni ai loro bisogni e alle loro condizioni". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, al termine della visita nel carcere romano di Regina Coeli dove ha incontrato una rappresentanza di reclusi

Tags:
carcerimortidetenuti
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.