A- A+
Cronache

 

squalo 500 1

Ha ucciso uno squalo per salvare i suoi figli. Ma è stato licenziato, per assentismo.  Paul Marshallsea, 62 enne noto in tutta l'Australia per un filmato che lo ritraeva mentre ingaggiava una lotta con un animale di 1,8 metri temendo che assalisse dei bambini, è stato licenziato quando i suoi datori di lavoro si sono accorti che nelle stese ore dell'azione eroica l'uomo avrebbe dovuto essere a casa malato.

Marshallsea era stato premiato per quel gesto ripreso dagli operatori di un canale televisivo locale su una spiaggia vicino a Brisbane. - Davanti allo schermo c'erano, però, anche i titolari dell'azienda della quale è dipendente, una Ong, che gli hanno fatto trovare al rientro una bella lettera di licenziamento. Cosi' è stato anche per la moglie, dipendente della stessa azienda.

Anche lei risultava in malattia con tanto di permesso. I due l'hanno presa con ironia: "Dove lo trovo un lavoro, adesso", ha detto Paul a Walesonline, "non è che ci siano molti posti per cacciatori di squali a Merthyr Tydfil".

Tags:
squaloaustraliaassenteista
in evidenza
La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO

La V° edizione, dal 26 al 28 agosto

La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO


in vetrina
Eleonora Berlusconi in vacanza La single più desiderata d’Italia

Eleonora Berlusconi in vacanza
La single più desiderata d’Italia





casa, immobiliare
motori
Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL

Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.