A- A+
Cronache
Imprenditore fa ricorso al Fisco. La risposta arriva dopo 33 anni

Era il 1980. C'era ancora il Muro di Berlino e Silvio Berlusconi non pensava nemmeno lontanamente di scendere in politica quando Roberto Steffen, imprenditore piemontese, ha fatto ricorso contro una mora. La risposta del Fisco gli è arrivata solo ora: "Irricevibile".

Il ricorso era stato presentato da Steffen insieme a un altro imprenditore, che nel frattempo è morto. La risposta gli è stata recapitata in Austria, dove oggi Steffen ha il domicilio fiscale, dalla sezione di Torino della Commissione tributaria centrale. Steffen si era persino scordato in tutto questo tempo di quel ricorso e si era ovviamente rassegnato a che fosse andato perso.

E invece ecco la risposta, in quello che può sembrare davvero uno scherzo. Un episodio sintomatico del funzionamento, o del mancato funzionamento, della giustizia tributaria in Italia. E’ di 903 giorni la media temporale italiana (264 a Bergamo, 2020 a Palermo) per giungere a un giudizio di primo grado davanti a una commissione tributaria. Nel 30% delle cause la Corte di Cassazione ha dato torto all’Agenzia delle Entrate.

Tags:
fiscoimprenditorericorso
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.