A- A+
Cronache
"Stasi, omicidio senza crudeltà". Garlasco, giustizia senza chiarezza

Assolto. Assolto. Condannato. Con in mezzo il rinvio della Cassazione. E non è ancora finita. Le vie della giustizia italiana sono infinite. Tortuose, contrarie, impervie, spesso incomprensibili e inspiegabili. E ancora più spesso dettate da principi che con il diritto non hanno molto a che fare.

Ci hanno insegnato che le sentenze non si commentano e certamente è difficile farlo quando ancora non si conoscono le motivazioni che hanno spinto i giudici a prendere una decisione. Però è impossibile non restare in qualche modo spiazzati dalla condanna di Alberto Stasi nel processo d'appello bis per l'omicidio di Chiara Poggi. Spiazzati non tanto dal fatto che sia stato condannato dopo due assoluzioni consecutive quanto dalla modalità.

Sedici anni di carcere sono davvero una misura che corrisponde a un principio che uno dei legali di Stasi ha chiamato "poca prova poca pena"? Perché, se si considera Stasi colpevole, gli è stata tolta l'aggravante della crudeltà che avrebbe portato a una pena ben più pesante e corrispondente alle richieste della procura generale? Se davvero Stasi ha sfondato il cranio della sua fidanzata non è stato forse crudele?

La sensazione è che la condanna sia arrivata anche in base al ragionamento: "Non può che essere stato lui". Un ragionamento che può anche essere comprensibile, se non condivisibile, sul piano logico ma molto meno su quello giudiziario. Aspettiamo le motivazioni prima di dare giudizi (pardon per il giro di parole) definitivi ma qualunque sia l'epilogo di questa controversa vicenda non si possono non notare gli errori commessi durante le indagini e le tante contraddizioni di una giustizia spesso lontana dal diritto.

NUOVO ROUND IN CASSAZIONE - La parola "fine", comunque, non è ancora stata scritta. I legali di Stasi hanno ovviamente già annunciato che faranno ricorso in Cassazione, così come con ogni probabilità farà anche la Procura Generale accontentata solo a metà visto che aveva richiesto una condanna a 30 anni ai giudici d'appello. Le parti dovranno attendere il deposito delle motivazioni della sentenza d'appello, che avverranno entro 90 giorni, per capire poi come impostare le loro strategie. Nel frattempo Stasi resta libero e non andrà in carcere. In attesa della nuova puntata.

Twitter: @LorenzoLamperti

Tags:
garlasco
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.