A- A+
Cronache
Gedi, finte pensioni: "L'Inps vuole indietro 13 anni di contributi, 306mila €"

Gedi, scandalo pensioni: "Quei soldi non li ho, mi mettano in galera"

Lo scandalo dei prepensionamenti forzati del gruppo Gedi è esploso definitivamente, dopo la presa di posizione dell'Inps, che dopo anni di silenzio ha deciso di intervenire, bloccando le pensioni e chiedendo anche gli arretrati. "Noi - racconta Giorgio Morotti, ex dipendente del gruppo Espresso al Fatto Quotidiano - siamo andati in pensione, ma mica lo abbiamo fatto da soli. La mia azienda (il Gruppo Espresso-Repubblica, ndr), come molte altre, aveva interesse a liberarsi di lavoratori con stipendi pesanti e per questo aveva richiesto lo stato di crisi. Mi dissero che avevo i requisiti per andare in prepensionamento, ne parlai con un alto dirigente del gruppo e l’Inps approvò la pratica. Io mi sono fidato e me ne sono andato tranquillo".

La sua esistenza, come quella di oltre un centinaio di ex dipendenti di quello che oggi è diventato il Gruppo Gedi, - prosegue il Fatto - è stata travolta alla fine di ottobre, quando l’Inps, senza alcun preavviso, gli ha congelato la totalità della pensione e ora vuole indietro il pregresso, 306 mila euro: “Mi hanno sospeso da un giorno all’altro la pensione e ora vogliono indietro 13 anni. "Ho un affitto da pagare e un po’ di soldi da parte. Per un po’ andrò avanti così, poi non lo so. Vivevo di una pensione da 1.700 euro al mese, non ho beni intestati. Più che mettermi in galera non so cosa potrebbero farmi".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gedipensioni
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Derby e scudetto all'Inter? No, Lopetegui nuovo allenatore

Milan, l'incubo dei tifosi

Derby e scudetto all'Inter? No, Lopetegui nuovo allenatore


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove





motori
Aston Martin DBX707: l'evoluzione del SUV di lusso

Aston Martin DBX707: l'evoluzione del SUV di lusso

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.