A- A+
Cronache

Riceviamo segnalazioni di controlli domiciliari da parte di Guardie Zoofile, con tanto di valutazione di dati sanitari. La procedura ha lasciato piuttosto sorprese le persone destinatarie dell'intervento ed il Sindacato ritiene doveroso portare all'attenzione dell'opinione pubblica alcune incongruenze, nel metodo e nel merito. Viene comunicato che persone con divise particolarmente simili a quelle di Guardie Forestali o Finanzieri si presentano presso private abitazioni con l'unico mandato di una “regolare segnalazione” e svolgono ISPEZIONE DI DIMORA PRIVATA. Sul modulo prestampato del “verbale di accertamento” si parla di consenso del proprietario, ma tale consenso sarebbe ottenuto, a quanto ci è stato riferito, facendo intravvedere non meglio precisati “risvolti penali”, derivanti dal possesso degli animali. All'ispezione si accompagnano ASSUNZIONE DI INFORMAZIONI e RILIEVI FOTOGRAFICI e talvolta richiesta di trasmissione di numero di microchip dei cani ad un numero fornito dai richiedenti.

Riteniamo del tutto comprensibile lo sbigottimento di chi è oggetto di pretesa d'accesso alla propria abitazione con tali modalità e condividiamo la preoccupazione per un eventuale utilizzo improprio, se non addirittura più grave, di eventuali sigle da parte di soggetti diversi da quelli autorizzati dalla legge. In un momento di forte tensione sociale, quale quello attuale, infatti, furti e raggiri sono frequenti. Mentre da più parti si raccomanda agli anziani ed alle persone sole massima allerta nei confronti di eventuali disonesti, ci pare evidente che queste “ispezioni” non contribuiscono a mantenere chiarezza e trasparenza nei comportamenti. Forse l'utilizzo dei dati raccolti e del materiale fotografico dovrebbe costituire materia di interesse per quanti si occupano istituzionalmente di privacy e di tutela della stessa.

Per quanto attiene la valutazione dello stato sanitario, la richiesta del libretto vaccinale, l'espressione di giudizi medico-veterinari, avanziamo tutte le nostre perplessità e riserve. Infatti, la professione medico-veterinaria è regolamentata dallo Stato e valutazioni di tal genere sono di competenza esclusiva del veterinario. La medicina veterinaria è e resta tale, con competenze tecniche, conoscenze scientifiche e responsabilità che le sono proprie. Di ciò si ha controprova anche dal verbale di cui nella fattispecie, in cui si parla di “vaccinare” cani contro la filaria, eventualità improbabile o meglio impossibile dal momento che non esiste alcun vaccino registrato a questo scopo in nessuno Stato dell'Unione Europea. Parimenti, indagini e controlli sono attività delicate e complesse e l'Italia non può certo lamentare un deficit di soggetti istituzionalmente e professionalmente incaricati di espletarle. Certamente il difficile cammino della revisione normativa dovrebbe passare anche attraverso un' attenta valutazione del rapporto "costi"/benefici per la collettività del modus operandi di simili realtà.

Dr. Angelo Troi - Segretario Naz. SIVeLP
Medico veterinario - dr. in Scienze e Tecnologie Ambiente e Natura
Sindacato Italiano Veterinari Liberi Professionisti

Tags:
guardiezoofilecanigatti
in evidenza
Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

"E' il mio corpo, la mia scelta"

Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories

Scatti d'Affari
EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories





casa, immobiliare
motori
Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech

Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.