A- A+
Cronache
In mailing list si può insultare? No: è diffamazione, dice la Cassazione

Rischia una condanna per diffamazione chi insulta qualcuno con un messaggio inviato su una mailing list. Lo si evince da una sentenza con cui la Cassazione ha confermato una decisione del tribunale di Roma.

Che ha condannato un uomo che aveva offeso un collega con una email inviata in un gruppo di lavoro di cui facevano parte anche altre 10 persone. La quinta sezione penale della Suprema Corte ha rigettato il ricorso dell'imputato - condannato dal tribunale a risarcire con 5mila euro la parte offesa - il quale sosteneva invece che i fatti dovessero essere inquadrati come ingiuria, reato da tempo depenalizzato, perché la percezione dell'offesa era avvenuta praticamente "in tempo reale". 

Secondo i giudici del 'Palazzaccio', invece, va ritenuto sussistente in questi casi il reato di diffamazione: "Se l'offesa viene profferita nel corso di una riunione 'a distanza' (o 'da remoto') - osserva la Cassazione - tra più persone contestualmente collegate, alla quale partecipa anche l'offeso, ricorrerà l'ipotesi dell'ingiuria commessa alla presenza di più persone (fatto depenalizzato)", mentre "laddove vengano in rilievo comunicazioni (scritte o vocali) indirizzate all'offeso e ad altre persone non contestualmente 'presenti' (in accezione estesa alla presenza 'virtuale' o 'da remoto')  - si spiega nella sentenza depositata oggi - ricorreranno i presupposti per la diffamazione". Nel caso in esame, "a parte una email inviata solo all'offeso - proseguono gli 'alti' giudici - l'imputato è stato condannato per il delitto di diffamazione per aver spedito all'offeso e ad altre 10 persone una email contenente epiteti palesemente offensivi rivolti alla persona offesa indicata per nome". Le email, rileva la Corte, "non sono altro che lettere in formato elettronico recapitate dalla casella di posta del mittente a singoli destinatari non contestualmente presenti" e, dunque, nel caso "di invio di una email, dal contenuto offensivo, destinata sia all'offeso che ad altre persone (almeno 2), è ravvisabile il delitto previsto dall'articolo 595 del codice penale", ossia quello di diffamazione. 

Commenti
    Tags:
    mailing listdiffamazionecassazione
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Arriva il caldo nel weekend Si va sopra i 25°. Ecco dove

    Meteo

    Arriva il caldo nel weekend
    Si va sopra i 25°. Ecco dove

    i più visti
    in vetrina
    How I Met Your Mother: ufficiale lo spin off con Hilary Duff, tutti i dettagli

    How I Met Your Mother: ufficiale lo spin off con Hilary Duff, tutti i dettagli





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari 812 Superfast, svelate le prime immagini

    Ferrari 812 Superfast, svelate le prime immagini


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.