A- A+
Cronache
freddo neve p

Partiamo dal presupposto che la situazione attuale è diversa da quello dello scorso anno. Dunque in teoria ci aspettiamo una stagione diversa. Appurato questo resta di capire cosa vuol dire diversa...Iniziamo dalla fine, così ci togliamo il pensiero.Teoricamente le possibilità di discese gelide a scala emisferica sarebbero minori rispetto lo scorso anno. Ho detto gelide e non fredde. Il motivo verrebbe dall'andamento dei venti stratosferici in fase positiva e dalla situazione del flusso solare. Questa accoppiata in genere non è favorevole agli Stratwarming di tipo Major che sono quelli che riescono a scombussolare il vortice polare troposferico con aumento delle probabilità di colate artiche alle medie latitudini. Facciamo delle ipotesi di lavoro:

1) Raffreddamento stratosferico facilitato da un displacement in sede siberiana del Vortice Polare con possibilità del raggiungimento della soglia di pre-condizionamento, dunque ripercussioni sul vortice troposferico che per 'solidarietà' inizierebbe a correre più velocemente secondo lo schema da flusso zonale (AO+).

2) L'ENSO (da neutra forse tendente a positiva) e la PDO - sarebbero propensi ad una AO -. Da qui emerge anche la possibilità di un stratcooling di breve durata oppure un disaccoppiamento tra i due vortici. Questa ultima ipotesi potrebbe venire dal lavoro dei flussi di calore da parte dell'onda pacifica ed atlantica tali dai provocare disturbi al vortice polare stratosferico.

3) Copertura nevosa. Rispetto lo scorso anno la copertura nevosa in aria siberiana è più estesa. Ai fini pratici la chiave di lettura non è tanto la sua estensione quanto il tasso di avanzamento della neve dalla Siberia verso la Russia occidentale durante ottobre, specie dalla seconda parte. Ricordo che questo aspetto è importante per l'anticiclone russo siberiano. Ma il freddo non è la causa della sua formazione, è un elemento precursore e serve solo a potenziare il blocco che invece ha un altro meccanismo (treno d'onde atlantiche quasi stazionarie). Questo è un altro nodo da sciogliere assieme alla stratosfera...

Cosa si può concludere? Che la stratosfera e la snowcover saranno elementi chiave. Ai fini prognostici si potrebbe concludere un avvicendamento dell'indice AO con fasi zonali intervallate da discese da Nord o Nord Est per SCAND negativo. Forse già a Novembre potremmo vedere i primi segnali in tal senso.

Tags:
geloneveinverno
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.