A- A+
Cronache
Morti bianche da Roma a Milano: le province in cui lavorare è più pericoloso

Lavoro e morti bianche, Roma, Napoli e Milano le città dove è più pericoloso lavorare. Ma il numero di vittime è alto anche a Torino Brescia e Bari. Il report sui primi 8 mesi del 2021

Cresce di giorno in giorno il numero di morti bianche e infortuni sul lavoro, solo nell'ultima settimana una decina circa di uomini e donne morti schiacciati da carichi pesanti, o rimasti incastrati nei macchinari di produzione o ancora, folgorati, o precipitati giù dalle altezze in cui erano all'opera. Un fenomeno che interessa il Nord come il Sud Italia, ma che da provincia a provincia si registra più intenso in alcune aree.

L'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engoneering di Mestre ha stilato una classifica delle province che negli ultimi 8 mesi del 2021 hanno vissuto il maggior numero di morti di lavoratori, e delle province in cui si attesta più alto il rischio di mortalità.

Mauro Rossato, presidente dell’Osservatorio ha presentato la nuova mappatura delle morti sul lavoro nelle province italiane da un lato con una graduatoria numerica e dall’altro attraverso l’indice di rischio di mortalità rispetto alla popolazione lavorativa.

Morti sul lavoro, i dati

Il totale degli infortuni mortali registrati in occasione di lavoro da gennaio ad agosto 2021 è di 620 vittime.

E' Roma ha rilevare il dato peggiore con 39 vittime (8 vittime in più dello scorso anno). Seguono: Napoli (32, dato invariato rispetto al 2020), Torino (24 – erano 26), Brescia (20 – erano 30), Milano (20 - erano 32), Bari (17 – erano 12), Caserta (16 – sono dieci vittime in più rispetto al 2020), Salerno (16 – erano 10 a fine agosto del 2020); Bologna (15 – erano 9), Lecce (13- erano 5); (Cuneo 12 – erano 11), Perugia (11 – erano 6), Verona (11 – erano 12), Bergamo (10 – erano 37 a fine agosto 2020).

I dati completi sono disponibili in allegato e sul sito vegaengineering.com/osservatorio “I numeri definiscono nel dettaglio l’emergenza morti bianche nel Paese – sottolinea Mauro Rossato – e ancor più lo fanno le variazioni rispetto all’anno precedente. Significativi, in tal senso, risultano essere gli incrementi degli infortuni mortali delle province di Roma, Bari, Caserta e Lecce. Così come i decrementi di Bergamo – 27 vittime in meno del 2020), di Brescia e di Milano”.

LEGGI ANCHE

Incidenti sul lavoro, due morti e 3 operai gravi in un giorno

(Segue...)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    lavorovittime lavorovittime lavoro oggi
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali





    casa, immobiliare
    motori
    Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

    Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.