A- A+
Cronache
Lega, gli "accordi segreti" con Bossi. Ecco il patto di Salvini nel 2014

“Un accordo con Savini per garantire una ‘autorizzazione’ politica a Umberto Bossi in cambio della rinuncia da parte del suo ex avvocato e per anni legale del partito, Matteo Brigandì, della pretesa di sei milioni di euro di parcelle non pagate dalla Lega”. È questo il succo del servizio andato in onda ieri sera su Report, e che Affaritaliani.it aveva anticipato ieri. Tra questi accordi ci sarebbe stato – sempre secondo quanto afferma la trasmissione condotta e coordinata da Sigfrido Ranucci - anche quello di garantire a Bossi, la copertura delle spese per 450 mila euro l’anno per staff e segreteria. La segretaria storica di Bossi, Daniela Cantamessa, però dopo poco tempo è stata messa in cassa integrazione come da lei stessa raccontato a Report.

Il patto fra Umberto Bossi e Matteo Salvini sarebbe stato ‘stretto’ nel febbraio del 2014. Report lo definisce ‘patto generazionale’. Salvini è da poco diventato il nuovo segretario di quella che ancora è la Lega Nord. Un accordo che sarebbe stato noto a molti, ma che nessuno avrebbe mai potuto leggere. L'accordo sarebbe nato due anni dopo l'inchiesta sui fondi pubblici che ha coinvolto il partito. A Bossi non è seguita subito la segreteria Salvini ma c’è stata una ‘parentesi Maroni’, il leader attuale del Carroccio viene eletto segretario federale nel 2013. L'anno dopo Bossi e Salvini si sarebbero seduti davanti a un tavolo per decidere del futuro politico del senatur.

Salvini avrebbe promesso 450 mila euro all'anno per mantenere lo staff composto dagli autisti e dalla segreteria del presidente della Lega. In cambio l'ex avvocato di Bossi, Matteo Brigandì, avrebbe rinunciato a sei milioni di euro di “mancati pagamenti proprio dalla Lega Nord”. Soldi che già nel 2014 sarebbero stati “fondamentali per le casse del partito”, come riporta Report che ha ricostruito la storia grazie all'intervista esclusiva di Francesco Belsito, l'ex tesoriere del partito travolto dallo scandalo, condannato per appropriazione indebita e l’intervista alla storica segretaria di Umberto Bossi, Daniela Cantamessa.

Contattato da Affaritaliani.it, il tesoriere della Lega e deputato Giulio Centemero, ha parlato del servizio di Report come una “un’esemplificazione della manipolazione e falsificazione dei fatti buona solo per dar contro alla Lega". E che "qualsiasi cosa fanno gli esponenti della Lega: pagano fatture o non le pagano, transano o non transano, si costituiscono parte civile o la revocano, ottengono giustizia in tribunale o no, comunque hanno sbagliato e dei soldi sono spariti". Secondo il deputato leghista, "Più che giornalismo pare sia una fobia contro la quale l’unico vaccino è la libertà di giudizio e di discernimento. Per cui cari amici mantenetevi vigili e non disperate i fatti hanno sempre la meglio sulle menzogne”, ha concluso Centemero.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    legapatto bossi salvinimatteo salviniumberto bossireportreport lega
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





    casa, immobiliare
    motori
    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.