A- A+
Cronache
Gheddafi, all'asta l'aereo-reggia. A bordo cinema e Jacuzzi

I miliziani dello Stato islamico sono alla ricerca del tesoro del defunto colonnello libico Muammar Gheddafi. Secondo quanto riporta il sito informativo libico "al Wasat" i miliziani jihadisti ieri hanno effettuato setacciato l'ultimo rifugio usato da Gheddafi nella sua permanenza a Sirte prima di morire.

Fonti locali assicurano che i jihadisti hanno usato anche un escavatore per perlustrare tutta la zona di al Atat, a 10 chilometri di distanza dal villaggio di Abu Hadi, fuori Sirte alla ricerca di armi e soldi di Gheddafi. Prima di iniziare le ricerche lo Stato islamico ha liberato 14 persone arrestate a Sirte con l'accusa di aver rubato armi e venduto alcolici.

Nel frattempo è stato messo all'asta l'aereo-reggia di Gheddafi. Rifiniture in oro e marmi pregiati, suite, cinema, lussuosa camera personale. A bordo anche una Jacuzzi e un letto a due piazze.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
libiagheddafi
in evidenza
Hunziker-Trussardi: è finita “Dopo 10 anni ci separiamo”

Spettacoli

Hunziker-Trussardi: è finita
“Dopo 10 anni ci separiamo”

i più visti
in vetrina
Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale

Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale





casa, immobiliare
motori
Citroën AMI ha ispirato la creatività dello stilista italiano Massimo Alba

Citroën AMI ha ispirato la creatività dello stilista italiano Massimo Alba


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.