A- A+
Cronache
Perde tre parenti nei due voli. Maledizione della Malaysia Airlines

Il governo ucraino non ha dubbi: "I ribelli stanno cercando di distruggere, con l’aiuto della Russia, le prove del loro crimine internazionale". Kiev, in una dichiarazione ufficiale, spiega che i separatisti filorussi starebbero tentando di trasportare in Russia i resti dell’aereo malese abbattuto giovedì da un missile mentre era in volo lungo il confine tra Ucraina e Russia, causando la morte di 298 persone tra cui 80 bambini. Per il momento l’ipotesi più accredita è che i responsabili del disastro siano proprio i miliziani filorussi che controllano la zona est dell’Ucraina e che, sempre secondo Kiev, ora avrebbero rimosso 38 cadaveri dalla scena del disastro e starebbero impedendo l’accesso alla zona agli inquirenti ucraini. La Bbc inoltre riferisce che i ribelli starebbero impedendo agli ispettori Osce di raggiungere la zona in cui si è schiantato l’aereo. I separatisti comunque, fin dall’inizio, hanno negato di avere sparato contro l’aereo e danno la colpa a Kiev. E la Russia a sua volta accusa il governo ucraino di tenere nascoste le informazioni sul sistema antiaereo dispiegato nella zona del tragedia, controllata dai filorussi. Kiev, ha detto il ministro della Difesa russo Anatoli Antonov, deve spiegare dettagliatamente come utilizza i suoi missili davanti ad una commissione d’inchiesta.

"La comunità internazionale - ha spiegato - lo sta aspettando". Antonov ha evitato di puntare il dito direttamente contro il governo ucraino, ma ha chiesto su cosa si sia basata Kiev per accusare i separatisti di quanto accaduto. Poco prima era arrivato l’annuncio che autorità ucraine e separatisti avevano raggiunto un accordo per la creazione di una zona di sicurezza intorno al sito dove è precipitato il volo della Malyasya Airlines. A dare l’annuncio responsabile dei servizi di sicurezza ucraini, Valentyn Nalyvaychenko, citato dalle tv di Kiev. I colloqui mediati da negoziatori internazionali "si sono conclusi con un accordo per istituire una zona di sicurezza di 20 chilometri, in modo che l’Ucraina possa svolgere il suo compito più importante, identificare i corpi e consegnarli alle famiglie".

E sulla vicenda si fa sentire il governo malese. Sarebbe un comportamento disumano e un tradimento alla memoria delle tante vittime se ai nostri inquirenti venisse negato l’accesso al sito del disastro dice il ministro dei Trasporti, Liow Tiong Lai, preoccupato dalle notizie secondo le quali i ribelli filorussi starebbero inquinando le prove rimuovendo i cadaveri.

E anche Barack Obama è intervenuto sulla vicenda. «Il missile è stato lanciato dalla zona occupata dai filorussi - ha detto il presidente degli Stati Uniti - i separatisti hanno ricevuto aiuti dalla Russia: artiglieria pesante, missili anti-aerei e addestramento, un flusso continuo: è una tragedia globale». I dossier sono già tra le mani dell’intelligence americana. Quei fascicoli con intercettazioni e, molto probabilmente, immagini satellitari che chiarirebbero la dinamica del disastro aereo del volo MH17 della Malaysia Airlines. Per Obama si tratta di una «tragedia globale» e chiede un cessate il fuoco immediato in Ucraina.

LE STORIE - Il destino non si e' accanito solo contro la Malaysia Airlines, che ha perso due aerei a distanza di 4 mesi l'uno dall'altro. Molto peggio e' andata a Kaylene Mann, una donna australiana, che ha perso il fratello e la cognata sul volo MH370, scomparso misteriosamente dai cieli l'8 marzo 2014 insieme ad altre 238 persone, ed ieri ha perso la figliastra, Maree Rizk, nel volo MH17 abbattuto nei cieli dell'Ucraina.
 
Maree ed il marito, riferisce l'Herald Sun, avevano anche provato a cambiare biglietto per evitare una lunga tappa intermedia a Kuala Lumpur, destinazione del volo partito da Amsterdam. Ma non ci sono riusciti.

Tags:
maledizionemalesia
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO





casa, immobiliare
motori
Mercedes: il futuro è completamente elettrico

Mercedes: il futuro è completamente elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.