A- A+
Cronache
Massa, il comune esce dallo Sprar. E dieci migranti rischiano la strada


A giugno c'era stato l'annuncio, ora le conferme. “Il Comune esce dallo Sprar, dal primo ottobre i migranti dovranno lasciare le strutture”. Così il neosindaco leghista di Massa, Francesco Persiani, ha annunciato la volontà del comune toscano di fuoriuscire dal sistema di protezione dei rifugiati e dei richiedenti asilo. Sul territorio massese sono una decina i migranti ospitati negli Sprar. “Cinque di loro avevano già finito il tempo di accoglienza e sarebbero usciti comunque”, ha spiegato il sindaco. Il problema resta però per altri cinque, di cui un paio con problemi di salute: “Siamo vicini umanamente a queste persone – ha chiosato il sindaco – ma politicamente confermiamo la linea del Ministero dell’Interno e saranno gli ospedali pubblici a prendersi in cura i migranti malati”.

Il rischio concreto - si legge su www.redattoresociale.it - è che queste persone finiscano per strada. “Saranno le associazioni che gestiscono lo Sprar a occuparsi di loro, oppure i comuni limitrofi a Massa”, ha detto il sindaco Persiani. E se non dovessero riuscire a trovare alloggi alternativi, cosa succederà? “Ho sentito il Ministero, mi hanno garantito che ci penseranno loro a trovare una sistemazione”. Alla base della scelta di uscire dallo Sprar, spiega il primo cittadino, il fatto che “questo sistema non ha prodotto integrazione reale” ed “è meglio investire i soldi guadagnati per la popolazione locale e per cose più importanti”.

L’annuncio del sindaco ha creato un coro di polemiche, tra cui quella della parlamentare Martina Nardi (Pd), che ha presentato una interrogazione parlamentare visto che, ha spiegato, “a Massa verrà compromesso il diritto di nove persone all’accoglienza, solo perché il Comune ha un colore politico diverso da altri”. Parole simili da Tommaso Fattori e Paolo Sarti, consiglieri regionali di Sì-Toscana a Sinistra.“Che un Comune di grandi dimensioni come Massa esca dal sistema Sprar serve soltanto a stroncare il futuro di quei giovani stranieri che stavano realizzando i percorsi formativi e d’inserimento socio lavorativo previsti dal progetto, per inseguire la delirante propaganda del ministro Salvini”. E poi: “Se un Comune si sfila dal progetto, l’unico risultato è aumentare il rischio che queste persone finiscano nella marginalità, nel lavoro nero o perfino nelle mani delle organizzazioni criminali”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    massa
    in evidenza
    Mentana all'inizio della maratona Il Colle, il voto e l'ironia social

    Quirinale/ Rete scatenata

    Mentana all'inizio della maratona
    Il Colle, il voto e l'ironia social

    i più visti
    in vetrina
    Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

    Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO





    casa, immobiliare
    motori
    Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

    Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.