A- A+
Cronache
Il "Vicinato" di Bresson in disfacimento: le rovine tra i Sassi di Matera
Il "Vicinato" di Bresson

Il "Vicinato" di Bresson preda dell’abbandono e del disfacimento

Triste osservare, 20 aprile 2023, il "vicinato" fotografato da Henri Cartier Bresson preda dell’abbandono e del disfacimento. Camminando dentro i Rioni Sassi si giunge al termine di via Purgatorio Vecchio ed ecco il fabbricato rupestre immortalato da Bresson nel mezzo del 1951. Il 6 marzo dello stesso anno l’on. Michele Bianco, avvocato nato a Miglionico provincia di Matera, presenta alla Camera dei Deputati la proposta di Legge sul risanamento dei quartieri popolari dei Sassi e costruzione di abitazioni per contadini operai e artigiani.

Tra l’altro mette in luce che “quando si parla dei Sassi bisogna pensare alle bolgie infernali e poi moltiplicarne l’orrore per dieci, nella certezza tuttavia di rimanere sempre al di sotto della realtà. Bisogna pensare ad abitazioni dove non solo non entra il sole ma non entra l’aria, non entra la luce, dove non vi sono pavimenti, né pareti, né tetti; dove, in una parola, non vi è nulla di umano… I Sassi di Matera costituiscono una piaga che mortifica ed avvilisce ogni più elementare senso di umanità e rappresentano un marchio di infamia per la civiltà e la dignità del nostro Paese! Voi vorrete affrettarvi a cancellarlo facendo buona accoglienza alla presente proposta di Legge”.

H.C.BRESSONVicinato, marzo 2023

Nella foto della vicinanza perpetuata da Bresson si rileva la struttura geometrica del bianco e nero in cui è racchiuso il momento decisivo, la misera vita quotidiana di donne e bambini incuriosite dalla presenza di quest’uomo straniero che imbraccia con discrezione la Leica M3.

Scatto epocale che racconta un mondo sommerso senza identità e storia minime, entrato nel cuore e nell’occhio di generazioni vecchie e nuove. L’istantanea di Henri Cartier Bresson - considerato l’Occhio del secolo (il Novecento) - definisce uno spazio preciso,un tempo e una circostanza, la memoria di vite piegate dalla rassegnazione, cattura l’essenza degli altri attraverso il loro sguardo e rimarca la capacità narrativa che sprigionano questi luoghi del Sasso Caveoso. ”Per dare un senso al mondo—scrive l’inimitabile fotografo francese—bisogna sentirsi coinvolti in ciò che si inquadra nel mirino, tale atteggiamento richiede concentrazione, disciplina mentale e sensibilità. Per me la macchina fotografica è come un block notes, uno strumento a supporto dell’intuito e della spontaneità…”.  

Iscriviti alla newsletter
Tags:
basilicatamatera
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Croazia-Italia: Calafiori eroe, ma tutti fanno caso a un particolare...

Sport

Croazia-Italia: Calafiori eroe, ma tutti fanno caso a un particolare...


in vetrina
McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA

McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA





motori
BMW, sulla nuova Serie 7 arriva la guida autonoma di livello 2 e livello 3

BMW, sulla nuova Serie 7 arriva la guida autonoma di livello 2 e livello 3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.