A- A+
Cronache
Messina Denaro: "La lunga latitanza? Zero tecnologia. Poi per la malattia..."

Messina Denaro: "Non per fare il superuomo ma senza il tumore non mi avreste mai preso"

Matteo Messina Denaro è stato operato e per lui si prospetta una degenza non breve nella cella ospedaliera dell’ospedale de L’Aquila. Nel nosocomio del capoluogo abruzzese, il boss è stato trasferito dal regime del 41bis tra ingenti misure di sicurezza a causa dell'aggravarsi delle sue condizioni di salute, da tempo è malato di tumore. Messina Denaro nei giorni scorsi è stato anche sottoposto ad un interrogatorio, il boss di Cosa Nostra ha sfidato i magistrati negando di aver commesso stragi e omicidi e di aver trafficato in droga. "Io mi sento uomo d'onore ma non come mafioso, Cosa nostra la conosco dai giornali. Magari ci facevo affari e non sapevo che era Cosa nostra, La mia vita non è stata sedentaria, è stata una vita molto avventurosa, movimentata», ha inoltre affermato, ammettendo di fatto la latitanza e di aver comprato una pistola, ma di non averla mai usata.

Durante l’interrogatorio Messina Denaro ha inoltre detto ai pm di essere stato catturato a causa della malattia. "Non voglio fare il superuomo e nemmeno l’arrogante, voi mi avete preso per la mia malattia", ha affermato il capomafia, aggiungendo inoltre di aver rinunciato alla tecnologia "fino quando ha potuto" perché sapeva sarebbe stato un punto debole. Per spiegare, inoltre, ai magistrati il cambio di passo sulla gestione della latitanza il 13 febbraio scorso ha citato il proverbio ebraico: "Se vuoi nascondere un albero piantalo in una foresta. Ora che ho la malattia però non posso stare più fuori".

Leggi anche: Messina Denaro, peggiorano le condizioni di salute: ricoverato all'Aquila

Leggi anche: Caos treni, la telefonata anonima e il falso pacco bomba. Ritardi di sei ore

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
matteo messina denaro
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


in vetrina
Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo

Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo





motori
Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.