A- A+
Cronache
Migranti, il segreto dietro lo stop agli sbarchi:"L'Italia paga i trafficanti"

Il retroscena: "sbarchi rallentati perché il governo italiano paga io trafficanti"

L'Associated Press ricorda come nel mese di agosto sia drasticamente diminuito il numero degli sbarchi sulle coste italiane: 2.936 rispetto ai 21.294 dell'agosto del 2016. Questo e' dovuto, scrive l'Ap, in parte al lavoro della guardia costiera libica, ma "in gran parte anche agli accordi fatti con le due piu' potenti milizie della citta' di Sabrata, nell'ovest della Libia, il piu' importante punto di partenza di migranti soprattutto africani". "Le milizie, una nota come 'Al-Ammu' e l'altra come 'Brigata 48', sono guidate da due fratelli della grande famiglia al-Dabashi" e, sempre secondo l'Ap, "almeno cinque funzionari della sicurezza e attivisti di Sabrata hanno detto che i miliziani sono noti per essere trafficanti di migranti". Una delle fonti ha definito i due fratelli come "i re del traffico" di migranti. L'inchiesta cita poi Bashir Ibrahim, il portavoce di Al-Ammu, secondo cui "un mese fa le due forze hanno raggiunto un accordo 'verbale' con il governo italiano e quello di Sarraj (riconosciuto dall'Onu, ndr) per combattere il traffico".

Ibrahim ha spiegato che la milizia Al-Ammu, "che conta circa 400-500 combattenti", fa capo al ministero della Difesa del governo di Sarraj, mentre la Brigata 48 al ministero dell'Interno. Ma questa circostanza, sottolinea l'Ap, non e' stata ufficialmente confermata dal governo libico. Tuttavia, prosegue l'agenzia americana, "l'integrazione ufficiale delle due milizie nelle forze di sicurezza di Sarraj permetterebbe all'Italia di lavorare direttamente con queste forze perche' non sarebbero piu' considerate milizie o trafficanti ma parte del governo riconosciuto". Ancora secondo Ibrahim, dopo l'accordo "le milizie hanno impedito alle barche di migranti di lasciare le coste libiche vicino a Sabrata e ordinato ai trafficanti di bloccare il loro lavoro. In cambio, le milizie hanno ricevuto equipaggiamenti, navi e stipendi". Ibrahim ha definito la situazione attuale "una tregua" che dipende dal continuo sostegno alla milizia. "Se il sostegno alla brigata di al-Dabashi (come viene anche chiamata la milizia Al-Ammu, ndr) si interrompe, questa non avra' piu' la capacita' di fare questo lavoro e il traffico ricomincera'", ha detto Ibrahim all'Ap. Anche i funzionari della sicurezza e gli attivisti di Sabrata intervistati dall'Ap sostengono che "l'Italia ha stretto l'accordo direttamente con le milizie e che funzionari italiani hanno incontrato i leader delle milizie". Circostanza confermata all'Ap anche da Abdel-Salam Helal Mohammed, direttore generale del dipartimento del ministero dell'Interno libico per la lotta alla migrazione illegale: "Diverse settimane fa, gli italiani hanno incontrato alcuni membri della milizia Al-Ammu a Sabrata e hanno raggiunto un accordo per fermare i trafficanti". "Da dieci giorni - ha aggiunto - non ci sono piu' traffici" di migranti.

Libia: fonti Farnesina, "governo italiano non tratta con i trafficanti"

Fonti del ministero degli Esteri italiano smentiscono "con decisione che sia stato un accordo tra i trafficanti e il governo italiano". Fonti della Farnesina interpellate da "Agenzia Nova" hanno sottolineato al contempo che "il governo italiano non tratta con i trafficanti". Il riferimento e' alle ipotesi ventilate da alcuni organi della stampa internazionale, secondo cui il governo italiano e l'esecutivo libico presieduto dal premier Fayez al Serraj avrebbero raggiunto un'intesa con due milizie della citta' di Sabrata coinvolte nel traffico, finanziandole perche' impedissero la partenza di migranti verso le coste italiane. Eventualita', quest'ultima, che avrebbe comportato il sensibile calo delle partenze nelle ultime settimane.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
migrantitrafficantistop sbarchi
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





casa, immobiliare
motori
La nuova Range Rover è stata svelata alla Royal Opera House di Londra

La nuova Range Rover è stata svelata alla Royal Opera House di Londra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.