A- A+
Cronache
Migranti, strage nella stiva del barcone: fermati due scafisti egiziani. VIDEO
Sbarchi migranti

Migranti, strage nella stiva del barcone: fermati due scafisti egiziani. VIDEO

Due egiziani, tra cui un minore, sono stati fermati dalla polizia di Stato con l'accusa di essere gli scafisti di una imbarcazione giunta a 40 miglia da Lampedusa e di avere provocato la morte per asfissia di 10 migranti rimasti chiusi nella trappola della stiva. I fermi di indiziato di delitto emessi dalla procura di Agrigento, fanno riferimento ai drammatici fatti del 17 giugno. In concorso tra di loro e con altri non identificati, residenti in Libia, i due stranieri avrebbero favorito illegalmente l'ingresso nel territorio nazionale di 54 migranti, prevalentemente di nazionalità pakistana e del Bangladesh, provocando la morte per asfissia di dieci persone di nazionalità bengalese che si trovavano all'interno della stiva del natante, nonchè lesioni ad altri migranti.

GUARDA IL VIDEO

 

 

LEGGI ANCHE: Migranti, centri in Albania aperti dal primo agosto. Mantovano: "Siamo pronti"

I fatti sono avvenuti nelle prime ore dello scorso 17 giugno quando, in acque internazionali, a circa 47 miglia nautiche a sud di Lampedusa, la nave Ong Nadir di Resqship ha intercettato una barca in legno di circa 10 metri con a bordo 54 migranti e 10 salme presenti all'interno della stiva. A bordo della motovedetta della locale Guardia costiera i 54 migranti soccorsi sono stati trasferiti a Lampedusa, mentre l'imbarcazione intercettata con le 10 salme presenti in stiva è stata trainata, sino a Lampedusa, da Nadir. In particolare, il minore avrebbe curato le operazioni di imbarco dei migranti, regolando l'ingresso e l'uscita degli stessi dalla stiva dell'imbarcazione. Il minore ha pure impedito l'uscita dalla stiva dei migranti poi deceduti, anche minacciandoli con un coltello a serramanico. Identificate compiutamente le 10 vittime giunte sull'isola. Gli indagati sono stati condotti in carcere, in attesa dell'udienza di convalida.

L'indagine condotta presso l'hotspot di Lampedusa dallo Sco, dalla Sisco di Palermo e dalla Squadra mobile di Agrigento, ha consentito di ricostruire le fasi della traversata in mare dalle coste libiche a quelle italiane, raccoglendo elementi a carico dei due egiziani i quali avrebbero condotto l'imbarcazione, tenendosi in contatto, al momento dell'imbarco, con i trafficanti che operano sulle coste di Zuhar.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso

Il nido d'amore con Boccia (Capogruppo Pd al Senato)

Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.