A- A+
Cronache
Mobbing, Conzatti: "Caso Pedri punta iceberg, ddl per colmare vuoto giuridico"

Stop al mobbing che può avere epiloghi drammatici come quello della ginecologa di Forlì Sara Pedri, scomparsa nel nulla il 4 marzo (probabile suicidio, ma il corpo non è stato ancora ritrovato) dopo essersi dimessa per gli "atteggiamenti vessatori", come li descrivono gli ispettori del Ministero della Salute inviati ad hoc, dell'ex primario del reparto dell'ospedale S.Chiara di Trento, Saverio Tateo. Per questo, lunedì in Senato verrà presentato il ddl 2358, dal titolo “Disposizioni in materia di eliminazione della violenza e delle molestie nel mondo del lavoro”, a prima firma della senatrice di Italia Viva, Donatella Conzatti (IV segretaria della commissione d’inchiesta sul femminicidio). 

Il luogo di lavoro deve essere per tutti una realtà in cui svolgere le proprie attività con profitto e tranquillità, non certo trasformarsi in un contesto in cui sentirsi minacciati ed avere paura", spiega ad Affaritaliani.it la Conzatti, secondo cui “questo vuoto normativo va colmato oggi, non domani perché ogni giorno che passa per molte persone, sia uomini che donne, è un giorno in più di sofferenza. Ogni giorno è fonte di costi diretti e indiretti per la collettività e un danno per l’efficienza delle organizzazioni produttive”, aggiunge la senatrice.

L'Italia non è all'anno zero perché con la Legge n° 4 del 15 gennaio 2021, ha ratificato la importante Convenzione n. 190 dell'Organizzazione internazionale sul lavoro, sull'eliminazione della violenza e delle molestie sul luogo di lavoro. Tuttavia manca ancora una normativa di dettaglio che attui i principi che il nostro ordinamento si è dato.

Procedere, rappresenta una urgenza normativa messa in luce anche da drammatici fatti di cronaca come quello di Trento. Proprio in queste ore è stata depositata la Relazione degli ispettori inviati dal Ministro alla Salute Roberto Speranza nell'ospedale in cui lavorava la ginecologa. Una ispezione sollecitata da una interrogazione parlamentare, portata avanti dalla stessa Conzatti,  e prontamente accordata dal Ministro dopo la denuncia della famiglia che ha puntato il dito contro il difficile clima del reparto dove la dottoressa lavorava.

Serve tolleranza zero contro le molestie e le discriminazioni sul lavoro – dice la Conzatti – perché la drammatica vicenda di Sara Pedri è solo la punta di un iceberg”. Il Ddl  per il contrasto al mobbing e allo straining, che verrà presentato a Palazzo Madama, alla presenza di numerosi esperti, prevede una definizione ampia ed omnicomprensiva del mobbing, un onere della prova attenuato, previsioni di tutela dei testimoni da minacce e ritorsioni. Un importante passo avanti che consentirebbe al nostro Paese di avere la normativa più avanzata a livello internazionale per rendere i luoghi di lavoro dignitosi e liberi da molestie e discriminazioni, così come diritti e principi di rango costituzionale prevedono.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ddl 2358mobbingfemminicidisara pedridonatella conzattiitalia vivaparlamento
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





    casa, immobiliare
    motori
    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.