A- A+
Cronache
Morte Chris, spedizione punitiva a casa del pirata: “Ti ammazziamo, torneremo"
Chris Abom

Morte Chris Obeng Abom, spedizione punitiva a casa del pirata della strada: "Erano in 30 e urlavano 'Ti ammazziamo'"

Viene fuori, che ti ammazziamo”. È stata una spedizione punitiva quella organizzata ieri pomeriggio all’indirizzo della casa dove si trova Davide Begalli, il 39enne accusato di essere il pirata della strada che ha travolto Chris Obeng Abom, lasciandolo poi sul ciglio della strada nel Veronese. Una trentina di persone con il volto coperto ha fatto visita all’uomo, un artigiano edile che vive a Negrar di Valpoliccella, lo stesso paese dove è stato investito il 13enne e dove vive la famiglia Abom. Proprio il giorno prima il 39enne si era trasferito nell’abitazione della compagna dove il gip gli ha concesso di scontare i domiciliari. Begalli è stato arrestato 48 ore dopo l’incidente con l’accusa di omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga.

LEGGI ANCHE: Arrestato l'uomo che ha investito e ucciso il 13enne nel veronese

A raccontare del raid punitivo intorno alle 18.10 di ieri, martedì 8 agosto, è il legale di Davide Begalli al Corriere del Veneto. "Erano una trentina, tutti neri, la maggior parte con il volto travisato da bandane e t-shirt. Lanciavano sassi contro la porta d’ingresso, la prendevano a calci, pugni e bastonate. Urlavano 'Vieni fuori che ti ammazziamo, dopo la morte di Chris non abbiamo più niente da perdere'".

"In quel momento il mio assistito si trovava nella casa della compagna insieme al figlio minorenne della donna, è stato un autentico raid punitivo, gridavano di volerlo uccidere, Begalli e il ragazzo hanno cercato in ogni modo di bloccare la porta dall’interno per impedire a quelle persone di buttarla giù. Il mio cliente adesso ha la spalla dolorante, alla fine quegli uomini se ne sono andati sentendo che Begalli stava chiamando i carabinieri". Allontanandosi "però hanno promesso che sarebbero tornati presto a riprenderlo e che non finiva lì, ora sia il mio cliente che il minore che ha vissuto la terribile esperienza insieme a lui sono impauriti e terrorizzati, non sanno come proteggersi e temono che quelle persone tornino presto, magari di notte".

Sull’episodio stanno ora indagando polizia locale e carabinieri, giunti dopo la chiamata d’allarme di Begalli.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
chrismorteobengpirataspedizione punitivastradaveneto
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


in vetrina
Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream

Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream





motori
Volkswagen lancia le nuove ID.7 GTX e Pro S, con un autonomia di 707 km

Volkswagen lancia le nuove ID.7 GTX e Pro S, con un autonomia di 707 km

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.