A- A+
Cronache
Bracciante morto, arrestato il titolare dell'azienda per omicidio volontario

Bracciante morto a Latina, arrestato il titolare dell'azienda per omicidio volontario: "Se soccorso Satnam si sarebbe salvato"

E' stato arrestato dai carabinieri di Latina Antonello Lovato per l'accusa di "omicidio doloso di Singh Satnam": a renderlo noto la Procura di Latina.

"Sulla scorta delle risultanze della consulenza medico legale la Procura ha variato l'ipotesi di reato inizialmente configurata (omicidio colposo) ed ha contestato il reato di omicidio doloso con dolo eventuale.    - spiega una nota -. La consulenza medico legale ha accertato che ove l'indiano, deceduto per la copiosa perdita di sangue, fosse stato tempestivamente soccorso, si sarebbe con ogni probabilità salvato".

LEGGI ANCHE: Satnam Singh, autopsia: “Morto anche a causa dell’emorragia. Poteva salvarsi”

Il 31enne indiano era rimasto vittima di un incidente sul lavoro a Latina e abbandonato in strada davanti casa è morto per dissanguamento secondo quanto emerge dall'autopsia. L'uomo aveva perso un braccio e aveva subito gravi lacerazioni alle gambe mentre lavorava a un macchinario. Se fosse stato tempestivamente soccorso quindi, probabilmente si sarebbe potuto salvare.

Inizialmente il titolare dell'azienda era indagato per omissione di soccorso e omicidio colposo. Oggi il colpo di scena.

"Prescindendo da valutazioni etiche (irrilevanti per il diritto penale) che pure si imporrebbero a fronte di una condotta disumana e lesiva dei più basilari valori di solidarietà, non può sottacersi che l’indagato si è intenzionalmente e volontariamente disinteressato delle probabili conseguenze del suo agire". A scriverlo il gip di Latina, Giuseppe Molfese, nell’ordinanza cautelare in carcere emessa a carico di Antonello Lovato.

Nell’ordinanza di 26 pagine il giudice ricostruisce quanto avvenuto il 17 giugno a Cisterna di Latina. Per il gip "è Lovato, che, contrariamente a quanto dovuto, carica il corpo nel furgone e separatamente l'arto amputato e, sempre il Lovato, abbandona il corpo e l'arto a via Genova, dandosi alla fuga". Per il tribunale di Latina, "è di tutta evidenza la circostanza per la quale l'indagato non voleva la morte del suo bracciante indiano, ma per la condotta posta in essere e le lucide modalità operative (sconfessate solo delle sue dichiarazioni, a tenore delle quali avrebbe agito nei termini descritti perché sotto shock) – è detto nell’ordinanza - ha ragionevolmente previsto il probabile decesso del Satnam, accettando consapevolmente il rischio". Le condizioni del bracciante "in stato di semi incoscienza, con un braccio amputato e copiosa perdita ematica, rendono, per la valutazione di chiunque, inevitabile l'evento mortale, soprattutto in assenza di un repentino intervento sanitario".

I comportamenti successivi all'abbandono del corpo "argomentano e caratterizzano univocamente la condotta omicidiaria – scrive il gio -, proprio nei termini descrittivi del dolo eventuale". L’indagato ha omesso di chiamare i soccorsi, "fugge con il furgone, provvede a ripulire il sangue: la principale finalità dell'indagato era di tutta evidenza quella di celare l'accaduto, d'altra parte, un suo lavoratore, irregolare sul territorio nazionale, privo di contratto, sguarnito di protezioni anti-infortunistiche e adoperando strumentazione da lavoro non certificata, si era amputato un braccio, perdeva copiosamente sangue e aveva subito altre gravi lesioni". Pur "di nascondere e dissimulare la realtà, con condotta intenzionale, ha posto in essere tutti gli accorgimenti descriti, anche a costo di concretizzare l'evento mortale che, progressivamente, si poneva dinanzi a lui", conclude il giudice.

Bracciante morto, Lovato agli inquirenti: "Preso dal panico l’ho portato a casa"

“Non ho chiamato l'ambulanza perché la moglie diceva di portarlo a casa e per questo l'ho caricato sul furgone Mercedes di famiglia e unitamente alla moglie, preso dal panico, l'ho portato a casa, dove sapevo che avevano già chiamato l'ambulanza. Dopo essere arrivati a casa assicuratomi che avevano chiamato l'ambulanza, preso dal panico sono andato via”. Così Antonello Lovato quando è stato sentito dagli inquirenti. Una testimonianza presente negli atti con cui la procura di Latina ha chiesto e ottenuto dal gip il carcere per Lovato, titolare dell’azienda agricola dove lavorava Satnam Singh.

Interpellato sul perché avesse lavato il furgone, Lovato ha detto: L'ho lavato io non è intervenuto nessuno, ho fatto tutto da solo. L'ho lavato perché c'era del sangue ed ero e sono tutt'ora sotto shock”. E dopo aver lasciato Singh “preso dal panico ho riportato il trattore in azienda e dopo essermi lavato velocemente mi sono diretto a Latina presso lo studio dei miei legali e pochi minuti dopo ci siamo recati presso la Questura di Latina. Quando sono stato contattato dai carabinieri ero in già in Questura per raccontare i fatti”, ha detto.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

Forti tensioni a Palazzo

William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.