A- A+
Cronache
Morti in corsia, condannata all'ergastolo l'infermiera di Piombino

L'infermiera Fausta Bonino e' stata condannata all'ergastolo per quattro delle morti sospette di pazienti in corsia e assolta per gli altri sei casi perche' il fatto non sussiste. Assolta anche per abuso di ufficio. La sentenza e' stata letta dopo cinque ore di camera di consiglio dal giudice Marco Sacquegna

Fausta Bonino ha deciso di aspettare la lettura della sentenza in aula. L'infermiera di 57 anni accusata di aver ucciso, fra il settembre 2014 e il settembre 2015, dieci pazienti che erano ricoverati nel reparto di rianimazione all'ospedale di Piombino attendera' il verdetto che la riguarda in Tribunale a Livorno. La donna deve rispondere del reato di omicidio plurimo aggravato e continuato. Il pm Massimo Mannucci aveva chiesto per lei l'ergastolo, mentre l'avvocato difensore Cesarina Barghini ne aveva chiesto l'assoluzione. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    morti in corsiapiombino
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari

    CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari





    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

    Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.