A- A+
Cronache
Napoli, bimba caduta dal balcone. Prima fu violentata

Un nuovo elemento si aggiunge al caso di Kicca Loffredo, la bimba di 6 anni morta precipitando dal balcone di una palazzina a Caivano (Napoli). L'autopsia ha rilevato elementi di violenza sessuale. Lo riferisce uno degli avvocati di famiglia, Angelo Pisani. Inizialmente si era pensato che la bimba fosse morta per una caduta accidentale, ma in seguito alle indagini la Procura di Napoli nord ha aperto un fascicolo per omicidio e violenza sessuale, finora contro ignoti.

La tragedia risale al 24 giugno, quando la piccola morì in seguito a una caduta da un balcone del popolare quartiere Parco Verde. Sul caso restano molti i punti da chiarire. Nessuno ha visto cadere la bimba, a terra non c'era alcuna macchia di sangue e non è mai stata trovata una delle due scarpette indossate dalla piccola.

Inoltre, proprio un anno fa, un altro bambino di 4 anni era morto esattamente nello stesso modo e nella stessa zona. Il 24 giugno, per un'altra tragica coincidenza, la bambina era andata a giocare proprio a casa della sorellina del bimbo morto.

Tags:
napolibimba
in evidenza
Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO

Lo scherzo e l'imprevisto

Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile





motori
Nuova Peugeot e-208, 400 km di autonomia grazie ad un nuovo motore elettrico

Nuova Peugeot e-208, 400 km di autonomia grazie ad un nuovo motore elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.