A- A+
Cronache
Blitz anti-'ndrangheta, vicino alla soluzione il giallo sulla donna uccisa e data ai maiali nel 2016
Maria Chindamo

Gratteri ha aggiunto che "due-tre giorni dopo che aveva postato sui social il nuovo compagno, questo nuovo amore, Maria Chindamo è scomparsa. Ci sono due aspetti su questa morte: non le è stata perdonata questa libertà, la gestione di questi terreni che ha avuto in eredità, questo nuovo amore, e gli interessi, gli appetiti di una famiglia di 'ndrangheta su quel territorio, su quei terreni". Il magistrato sottolinea le modalità del delitto. "Tutto questo messo insieme ha portato a essere uccisa in modo straziante: è stata data in pasto ai maiali, e i resti dei maiali sono stati poi macinati con un trattore cingolato.

Questo vi dà il senso – aggiunge Gratteri - la misura della rabbia che chi ha ordinato l'omicidio aveva nei confronti di questa donna, il risentimento nei confronti di questa donna che non si poteva permettere il lusso di fare quello che ha fatto, cioè di rifarsi una vita, gestire in modo imprenditoriale quel terreno, poter curare e far crescere i figli in modo libero uscendo dalla mentalità mafiosa".

Leggi anche: Omicidio Rossella Nappini: Harrati chiuso nel silenzio, il grido del vescovo

Il procuratore si sofferma anche sull'ambiente familiare della donna: "Il fratello e la famiglia Chindamo è stata sempre dalla parte della legalità, senza se e senza ma, non ha mai tentennato sulla voglia di capire e di avere giustizia e nei abbiamo apprezzato questo nel corso degli anni. Noi qui abbiamo avuto gli specialisti del Ros, che nel corso di questi anni ha martellato e sviscerato tutto lo scibile umano, tutto quello che era possibile dal punto di vista tecnologico".

"Non dimentichiamo - ha spiegato il procuratore capo della Dda di Catanzaro - che in questa indagine, oltre alle intercettazioni telefoniche, telematiche e ambientali abbiamo 18 collaboratori di giustizia che anche sull'omicidio Chindamo hanno avuto dichiarazioni univoche e concordanti e ci hanno detto delle cose inedite che non potevano non conoscere ma che già il Ros aveva già incamerato come indizi o come elementi di prova". Gratteri ha poi ricordato che le cosche del Vibonese a dimostrazione della forza e del controllo del territorio, erano capaci di imporre il prezzo minimo del pane, meno di 2,5 euro non si poteva scendere, e questo dà la misura del controllo del respiro, del battito cardiaco del territorio, da' la misura di come le imprese mafiose controllavano gli appalti dell'Asp di Vibo per quanto riguarda le mense, controllavano la tangente su tutte le attività di ristorazione e gli alberghi della Costa degli dei, per non parlare delle armi ritrovate. La droga e le altre attività estorsive".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
blitzfemminicidiomaria chindamondranghetaomicidio
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.