A- A+
Cronache
Decapita la compagna con la mannaia. Attacca gli agenti, che gli sparano

Orrore all'Eur, in via Birmania. Al 113 è arrivata una telefonata che segnalava una lite. Gli agenti, arrivati nella villa, hanno visto una scia di sangue che portava allo scantinato. Seguendo le tracce, sono arrivati alla scena del delitto: la domestica ucraina, Oksana Marteseniuk., 38 anni, decapitata, e il killer - italiano, biondo e con gli occhi azzurri - sporco di sangue e con indosso una maschera filtro, pantaloni mimetici e gli anfibi ai piedi, che impugnava ancora una mannaia. La donna risulterà poi essere la domestica di casa. L'uomo - Federico Leonelli di 35 anni, figlio di un ex alto ufficiale delle forze armate - si è  scagliato anche contro gli agenti che hanno fatto fuoco con l'arma d'ordinanza, ferendolo gravemente al torace con un colpo. Ricoverato al Sant'Eugenio, è morto poco dopo. L'uomo era ospite da un paio di mesi nella villa all'Eur.

La sua auto, una Chevrolet Cruze grigio scura, era parcheggiata all'interno del parco della villa ed è stata portata via dalla Scientifica per gli esami all'interno e all'esterno: sul parabrezza vi erano anche due fori forse di proiettile di cui gli inquirenti vogliono capire le origini. Tra i particolari che hanno colpito gli inquirenti, l'abbigliamento dell'uomo: pantaloni militari, giacca mimetica, maglia verde, cinturone di cuoio, anfibi neri, occhiali tattici e maschera filtro bianca.

L'omicidio della donna è avvenuto attorno alle 10.45, in una 'zona bene' della capitale. Via Birmania è infatti in una zona di ville immerse nel verde, una stradina senza uscita che costeggia la via Colombo, una delle arterie che collegano Roma con il litorale. L'abitazione è di proprietà di una srl romana e la vittima era a servizio nella casa.

Ad avvertire il 118, che a sua volta ha chiamato il 113 e i vigili del fuoco, sono stati i vicini, allarmati dalle urla strazianti che arrivavano dalla villa. Giunti sul posto, i poliziotti hanno trovato delle tracce di sangue che conducevano a un seminterrato. Una volta aperta la porta con l'aiuto dei vigili del fuoco si sono trovati davanti al cadavere della donna e schizzi di sangue ovunque. E un uomo, fuori di sé, che si è scagliato con la mannaia anche contro gli agenti.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra mobile, del commissariato Esposizione e della polizia scientifica, i carabinieri della Compagnia Eur oltre ai vigili del fuoco chiamati dagli agenti per aprire la porta del seminterrato. Nel locale un vero scenario dell'orrore. Le tracce però erano anche sulle scale che portano allo scantinato: lì erano anche le ciabatte insanguinate della donna, e lì potrebbe essere cominciata la fase più violenta della lite che ha portato all'omicidio. L'uomo prima l'avrebbe colpita più volte con un coltello forse in un altro locale della villa, poi l'avrebbe finita con la mannaia. A coordinare le indagini è il procuratore aggiunto Pier Filippo Laviani.

Drammatiche le parole di uno dei vigili del fuoco, chiamato dai poliziotti per aprire la porta chiusa dall'interno: "Gli agenti hanno trattato a lungo con quell'uomo per farlo calmare, ma lui gli si è scagliato contro con una violenza inaudita".

Tra i residenti in via Birmania, la donna è conosciuta come la domestica della villa, ma non c'è molta voglia di parlare. "Io stavo dormendo" ha detto un filippino. "Sì, li conoscevamo, ma vi dirà tutto la polizia" ha aggiunto un altro abitante della zona. I residenti avevano visto il killer perché era amico dei proprietari della villa che gliel'avevano lasciata per l'estate in loro assenza: lui ci viveva da un paio di mesi.

Alla base dell'omicidio, secondo gli inquirenti, potrebbe esservi un tentativo di violenza sessuale. I proprietari della villa, che avevano lasciato l'abitazione al killer per l'estate, hanno una figlia della stessa età della domestica ucraina: questo ha terrorizzato i residenti in un primo tempo, appresa la notizia dai telegiornali, avevano pensato che la vittima fosse la figlia dei residenti.

Tags:
orrore
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.