A- A+
Cronache
Papa Francesco: "Il mondo è impotente di fronte ai venti gelidi di guerra"

Papa Francesco: "A volte siamo impotenti dinanzi ai venti gelidi della guerra"

Papa Francesco ha iniziato nella Basilica Vaticana la solenne Veglia Pasquale nella Notte Santa. Il rito ha inizio nell'atrio della Basilica di San Pietro con la benedizione del fuoco e la preparazione del cero pasquale. Alla processione verso l'altare, con il cero pasquale acceso e il canto dell'Exultet, fa seguito la liturgia della Parola e la liturgia battesimale, nel corso della quale il Papa amministra i sacramenti dell'iniziazione cristiana a 8 neofiti provenienti da Albania, Stati Uniti d'America, Nigeria, Italia e Venezuela.

Dopo aver acceso il cero pasquale il Pontefice ha seguito in sedia a rotelle la processione in una Basilica buia, secondo i dettami della liturgia. Quindi sono state accese le candele dei fedeli presenti, a cominciare dai 40 cardinali e 25 vescovi concelebranti.

Quindi, dopo la terza invocazione "Lumen Christi", si sono accese tutte le luci di San Pietro. Il Papa ha preso posto nella sua sede, alla destra dell'altare.

Urbi et orbi, il Papa non rinuncia al rito pasquale

"Talvolta impotenti di fronte ai venti gelidi della guerra"

"A volte abbiamo semplicemente avvertito la fatica di portare avanti la quotidianità, stanchi di rischiare in prima persona davanti al muro di gomma di un mondo dove sembrano prevalere sempre le leggi del più furbo e del più forte. Altre volte, ci siamo sentiti impotenti e scoraggiati dinanzi al potere del male, ai conflitti che lacerano le relazioni, alle logiche del calcolo e dell'indifferenza che sembrano governare la società, al cancro della corruzione, ce n'è tanta, al dilagare dell'ingiustizia, ai venti gelidi della guerra". Ha detto Papa Francesco nell'omelia della Veglia Pasquale.

Talvolta "ci siamo forse trovati faccia a faccia con la morte, perché ci ha tolto la dolce presenza dei nostri cari o perché ci ha sfiorato nella malattia o nelle calamità, e facilmente siamo rimasti preda della disillusione e si è disseccata la sorgente della speranza. Così, per queste o altre situazioni, i nostri cammini si arrestano davanti a delle tombe e noi restiamo immobili a piangere e a rimpiangere, soli e impotenti a ripeterci i nostri perché". Ha aggiunto il Papa Francesco nell'omelia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
papa francescopasquavaticano
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Ferragni-Fedez, ritorno di fiamma? "Chiara mi ha detto che..."

Rumor

Ferragni-Fedez, ritorno di fiamma? "Chiara mi ha detto che..."


in vetrina
Tennis/ Sinner, nuovo numero uno al mondo? La bella Anna è in tribuna per lui

Tennis/ Sinner, nuovo numero uno al mondo? La bella Anna è in tribuna per lui





motori
Lamborghini trionfa al Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2024

Lamborghini trionfa al Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.