A- A+
Cronache

Non ce l’ha fatta la giovane Ilaria Abbate, la mamma ferita da un colpo di pistola alla testa esploso dal suo ex compagno Riccardo Bazzurri. Una tragedia avvenuta 38 giorni fa alla periferia di Perugia, a Ponte Valleceppi. Trentotto giorni, tanto è durata l’agonia di Ilarietta, come la chiamavano gli amici, che è morta giovedì mattina nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Perugia. Da quel maledetto 6 luglio, la giovane non aveva mostrato nessun segnale di miglioramento. La notizia della morte è stata data dalla direzione dell’azienda ospedaliera di Perugia.

Ilaria Abbate è stata ferita una domenica mattina mentre stava andando in piscina insieme alla sua amica Ilaria Toni e al suo piccolo di due anni e mezzo. A sparare contro di lei, contro il bambino e anche contro l’amica è stato l’ex compagno della Abbate. Sia la giovane mamma che il bambino sono stati colpiti alla testa a distanza ravvicinata, poi il killer si è sparato con un colpo alla tempia. Bazzurri è morto poco dopo il ricovero in ospedale. Il bambino, ferito in maniera gravissima è stato subito trasportato al Meyer di Firenze, dov’è tutt’ora ricoverato in condizioni molto gravi.

Tags:
perugiamorta
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.